Nizza. Furto aggravato, in manette 26enne catanese. Minore denunciato in stato di libertà

I carabinieri della stazione di Roccalumera hanno arrestato Domenico Buremi (nella foto), 26 anni ed hanno deferito all’Autorità giudiziaria, in stato di libertà, un 17enne incensurato, anch’egli catanese. I due sarebbero responsabili del reato di furto aggravato.
Tutto ha avuto inizio nel primo pomeriggio, alle 14, quando è giunta alla Centrale operativa dei carabinieri la telefonata di un cittadino di Nizza di Sicilia che richiedeva l’immediato intervento di una pattuglia, in quanto pochi minuti prima due giovani, dopo aver forzato la saracinesca del garage di un’abitazione privata, si erano resi conto di essere stati notati e si erano quindi dati a precipitosa fuga.
I militari giunti sul posto, hanno accertato quanto accaduto e raccolto una dettagliata descrizione dei due presunti ladri, avviando subito le indagini. Poco dopo, nei pressi della piazza della stazione di Nizza di Sicilia, i carabinieri hanno intercettato e bloccato una Toyota Corolla, avendo riconosciuto negli occupanti dell’autovettura i due giovani poco prima descritti. Da un successivo controllo è emerso che i due fermati, qualche minuto prima, per garantirsi la fuga avrebbero rubato la Toyota Corolla, che avevano trovato in sosta in prossimità di una casetta rurale, distante poche centinaia di metri rispetto al punto in cui venivano bloccati.
Domenico Buremi è stato quindi arrestato e, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Messina Sud, in attesa della celebrazione del rito direttissimo dove l’arresto è stato convalidato, mentre il 17enne, minore ed incensurato, è stato denunciato in stato di libertà.

Leave a Response