Taormina Arte, questa sera in Consiglio la decisione sugli immobili da destinare alla Fondazione

TAORMINA- Continua la disamina degli immobili di proprietà comunale da destinare a TaoArte per la futura Fondazione. Dopo il no del Consiglio comunale per quanto riguarda il Palacongressi, giustificato dalla volontà di rilanciare il turismo congressuale, adesso si parla dell’ex Pretura come sede della nascitura Fondazione di Taormina Arte. I lavori di ristrutturazione dell’ex palazzo giudiziario si avviano alla conclusione, ma la destinazione d’uso decisa quando l’immobile fu salvato dal pignoramento e dalla successiva vendita all’asta era quella di realizzare un Museo diffuso per le arti e la cultura contemporanea. Anche questa strada risulta, quindi, poco percorribile perché la Regione ha stanziato a suo tempo un finanziamento per far diventare l’ex pretura un punto di riferimento per mostre e appuntamenti culturali di livello. Una valida alternativa da considerare potrebbe essere Casa Grandmont, in passato sede legale del consorzio Rete Fognante, è adesso utilizzata in parte come di materiali e atti di archivio del comune e un’ala era stata concessa a varie associazioni poi sfrattate dal Comune. Della delicata questione si discuterà questa sera in consiglio comunale. Il presidente del Civico consesso ha fatto predisporre un ordine del giorno aggiuntivo che riguarderà la nota manifestazione. “Bisogna intanto capire- ha detto il sindaco Eligio Giardina- cosa si deve fare in merito a Taormina Arte posi si deciderà la dotazione per il nuovo Ente. La mia proposta- aggiunge- è quella di mettere a disposizione Palazzo dei Congressi o l’ex Pretura. Certamente, a seconda diquanto porremo sul tavolo, potremo avere un peso nella futura discussione, relativa alla nota kermesse”. 

Leave a Response