Giornata mondiale dell’Autismo, numerose iniziative alla “Cittadella della Speranza”

NIZZA DI SICILIA- In occasione dell’VIII giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo, che ricade domani, a Nizza di Sicilia sono stati organizzati una serie di appuntamento presso la Cittadella della Speranza. La cittadella è il primo centro diurno accreditato dalla Regione e finanziato dall’ASP 5 Messina per l’accoglienza di soggetti affetti da patologie dello spettro autistico. Le famiglie che ne fanno parte, che ne sono socie per il tramite delle loro associazioni, accoglieranno i visitatori per poter condividere con loro e con i loro figli i vari momenti della giornata, per far conoscere la struttura grazie alle visite guidate e per assaggiare i frutti del lavoro culinario prodotto dai ragazzi stessi. Durante tutta la giornata si terranno numerose iniziative, verranno presentati i risultati ottenuti dal centro, sarà consentito l’accesso ai laboratori, le osservazioni partecipate, la conoscenza dei luoghi preposti alla riabilitazione dei ragazzi. Gli ospiti potranno gustare i cibi preparati dai ragazzi: gli yogurt naturali alla frutta, i dolci, le spremute fresche di agrumi della costa jonica e le prelibatezze del buffet salato. Intanto ieri anche l’istituto comprensivo di S. Teresa di Riva, diretto dalla prof.ssa Enza Interdonato, e il Lions Club Santa Teresa di Riva, presieduto dall’avv. Antonio Scarcella, hanno voluto dedicare un’intera giornata alle problematiche legate all’autismo, un disturbo neuropsichiatrico per anni ignorato.  “Autismo:… per andare… oltre lo sguardo” per cercare di abbattere il muro divisorio e procedere gradualmente all’integrazione. In questo passaggio l’inserimento nel gruppo dei pari diventa fondamentale. Proprio per questo motivo la giornata si è aperta con un incontro con gli alunni della scuola media “Lionello Petri”. La dott.ssa Michela Garufi dell’Uoc di Neuropsichiatria infantile del Policlinico Universitario “Gaetano Martino” di Messina ha fornito gli strumenti base della socializzazione con i coetanei autistici. Un percorso difficile che comincia nelle famiglie ma che coinvolge anche il mondo della scuola.

Leave a Response