Taormina. Tassa di soggiorno, lunedì faccia a faccia tra sindaco e albergatori

TORMINA- Dopo le polemiche degli ultimi giorni sulla tanto discussa tassa di soggiorno, il cui possibile aumento ha infiammato gli albergatori, il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, ha previsto per lunedì prossimo un incontro con gli operatori del settore alberghiero  per trovare una soluzione condivisa su come spendere l’imposta turistica. “In un momento di poca presenza da parte della Regione, che ha tagliato i fondi ai Comuni- afferma il primo cittadino – Taormina deve fare da sé. Per questo motivo ho concordato un incontro con i rappresentanti degli albergatori – continua Giardina- con i quali metteremo a punto un programma efficace e condiviso. In un momento di crisi economica non possiamo fare altro che presentare al meglio la nostra città. Cerchiamo di fare in modo che sia come i nostri ospiti se l’aspettano””. Il primo cittadino cerca quindi di trovare un’intesa con gli albergatori dopo la proposta della Giunta di aumentare il balzello turistico. Penalizzati soprattutto gli alberghi di lusso e a cinque stelle dove l’imposta arriverebbe a 5 euro. Un secco “no” agli aumenti previsti era arrivato nei giorni scorsi da Confindustria Alberghi. “Non ci trasformeremo in esattori- aveva detto il presidente di Confindustria alberghi Sebastiano De Luca-  se l’Amministrazione dovesse continuare con questi prelievi, che servono esclusivamente a sanare il Bilancio e non a risollevare le sorti del turismo della nostra città”. Al coro delle proteste si aggiungono numerosi albergatori taorminesi. “Ero contrario all’introduzione della tassa di soggiorno – afferma Gerardo Schuler- perché ero sicuro che i proventi  non sarebbero stati mai destinati ad iniziative atte a promuovere il turismo. Così è stato per due  anni e così sarà nel prossimo futuro”. Ma Giardina vuole attuare un cambio di rotta e con i rappresentanti degli albergatori vuole attuare una strategia comune sull’utilizzo della tassa di soggiorno. L’appuntamento è per lunedì prossimo a Palazzo del Giurati. “E’ un incontro a porte aperte- puntualizza Giardina – l’invito è quindi esteso a tutti gli albergatori. Tutte le proposte e suggerimenti saranno ben accetti”.

Leave a Response