Alì, conclusa la festa di Sant’Agata

Si sono conclusi ieri nel piccolo centro collinare di Alì, i solenni festeggiamenti in onore della patrona, Sant’Agata. L’intensa giornata di festa ha preso il via di buon mattino. Alle 8.30, infatti, è stata officiata la prima Santa Messa della solennità. Alle 11, in duomo, è stato celebrato il Solenne Pontificale nella memoria della martire Agata. Ha presieduto Monsignor Angelo Oteri, Decano del Capitolo Protometropolitano della Basilica Cattedrale di Messina, che, nel corso della sua omelia, ha sottolineato l’importanza che, nei secoli, la martire catanese ha avuto per la comunità religiosa aliese. “Nel 1126, Alì diviene S. Agata e S. Agata diviene Alì”, ha affermato Oteri. Alla Santa Messa solenne, ripresa e trasmessa da Tele90, hanno preso parte tantissimi fedeli, provenienti anche da altri paesi del comprensorio jonico. Nel pomeriggio, alle 16.30, il simulacro di Sant’Agata, issato sulle spalle dei portatori, è uscito dal duomo per iniziare la processione lungo le vie del paese. Il corteo, che si è snodato lungo le strette viuzze di Alì, ha fatto rientro in serata. Presente, per questa speciale e solenne occasione, insieme al primo cittadino di Alì, Pietro Fiumara, anche il sindaco di Monforte San Giorgio, Piera Basile, dove Sant’Agata è compatrona. La festa si è conclusa con una Santa Messa e con il bacio, da parte dei fedeli, delle reliquie della santa patrona.
Uno speciale con tutte le immagini più belle delle celebrazioni, a cura di Francesco Gaberscek, andrà in onda domenica 8 febbraio, alle 17 ed alle 21, su Tele90.

FRANCESCO GABERSCEK

 

Leave a Response