Nizza Sicilia. Black out delle comunicazioni per un cavo Telecom tranciato ad Alì Terme

NIZZA DI SICILIA – Un grosso cavo della Telecom contenente materiale di rame è stato tranciato nella notte di domenica ad Alì Terme provocando a Nizza di Sicilia il blocco di telefoni, computer, bancomat, guardia medica, uffici comunali, scuole e banche. Sono rimaste isolate complessivamente 1.600 utenze. Si ipotizza un tentativo di furto di rame, anche se non si esclude l’atto vandalico. Tecnici Telecom sono già al lavoro, ma solo nella tarda mattinata di oggi sarà possibile riattivare le prime linee. Alla normalità si tornerà nel pomeriggio di domani e chi nel frattempo rimarrà con il telefono ”muto” ed ha necessità urgente di comunicare può solo utilizzare il cellulare. Il cavo danneggiato porta i segnali telefonici dalla centrale Telecom, che si trova nel quartiere Mastroguglielmo di Alì Terme, ai vari punti di smistamento dislocati a Nizza di Sicilia, ai quali sono collegati gli utenti. In pratica è stato interrotto il flusso principale. Il cavo è stato tagliato dai malviventi in contrada ”Tiro a segno”, all’estrema periferia sud di Alì Terme, a circa 300 metri dall’ex cantiere navale. E’ posizionato all’interno di una canaletta di metallo che si allunga a ridosso di un muretto adiacente una stradina sterrata sulla sponda sinistra del fiume Nisi dalla quale si raggiunge contrada ”Reitana” da sotto i ponti della statale, della ferrovia e dell’autostrada. Per tranciarlo è stato utilizzato un seghetto e questo ha richiesto del tempo. I malviventi hanno potuto agire indisturbati perché la zona durante la notte non è frequentata. Qualcosa o qualcuno però li ha messi in allarme ed hanno deciso di lasciare il campo. Il danno, comunque, lo avevano già commesso e se ad agire sono stati dei vandali hanno così raggiunto lo scopo se invece si tratta di ladri di rame la sorte non è stata dalla loro parte. I tecnici di Telecom sono prontamente intervenuti per ripristinare le linee. Il lavoro più impegnativo non è tanto la sostituzione del tratto di cavo ma la saldatura dei 3.200 sottilissimi fili, due per ogni utenza, occorrenti per i collegamenti con Nizza. Non è la prima volta che la Telecom viene presa di mira e sempre nella zona del ”Tiro a segno” di Alì Terme. Si era verificato pochi mesi addietro e pure in quella circostanza a Nizza si era registrato il black out delle comunicazioni.

Leave a Response