Alì Terme. Riqualificazione del lungomare, il Comune chiede 91mila euro alla Cassa depositi e prestiti

ALI’ TERME – Il Comune ha chiesto alla Cassa depositi e prestiti 91 mila euro per cofinanziare i 918 mila euro ottenuti dalla Comunità europea per l’esecuzione dei lavori sul lungomare finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche, al miglioramento dei percorsi urbani per l’ottimizzazione della fruizione integrata delle aree termali, del mare e dei siti di particolare interesse religioso. Il prestito sarà restituito in 15 anni con 30 rate semestrali. Gli interventi interessano il tratto lato monte della strada marina compreso tra via S. Lucia e piazza Morano. Il progetto prevede percorsi attrezzati con tecnologia Loges per consentire un agevole e sicuro transito sui marciapiedi ai portatori di handicap visivo. Sul lungomare sarà anche disponibile un impianto digitale d’informazione turistica con l’utilizzo di un ”Totem Touchscreen”. I marciapiedi verranno rivestiti con pietra calcarea dura e grigio rosato. E sempre in tema di miglioramenti del centro urbano, è stata assegnata la direzione dei lavori per la riqualificazione di piazza S. Rocco, prospiciente l’omonima chiesa. L’incarico se lo è aggiudicato l’ing. Vito Aliquò di Terme Vigliatore che, sulla base d’asta di 29 mila 810,28 euro, ha praticato un ribasso del 50,435 per cento. Al professionista sarà dunque liquidata una parcella di 14 mila 775,47 euro. Per i lavori di rifacimento di piazza S. Rocco saranno spesi 489 mila euro concessi all’amministrazione, anche in questo caso, dalla Comunità europea. La nuova piazza verrà destinata a spazio espositivo museale all’aperto per opere di arte contemporanea. I pavimenti saranno interattivi digitali e questo sistema permetterà ad ogni passo o movimento dell’utente che il pavimento generi effetti visivi su appositi pannelli con grafica tridimensionale. Un sitema che consentirà anche la diffusione di musica o informazioni turistiche. Sul sagrato della chiesa verranno realizzati un tappeto erboso e aiuole quadrate e, di fronte, saranno collocati tre pannelli sfalsati destinati a esposizioni e proiezioni. Nella zona della piazza adiacente il fianco nord della chiesa verrà ricavata un’area espositiva più ampia che per mezzo dei pannelli, degli alberi, e dei sistemi di illuminazione su palo, è percepita come uno spazio chiuso, un vero e proprio contenitore. I lavori, infine, riguardano l’estensione delle aree espositive allo slargo adiacente la vecchia chiesa di S. Rocco che si potrà raggiungere seguendo il percorso della linea d’illuminazione a led incassati nel pavimento che sarà realizzato con pietra di Mirto.

Leave a Response