Taormina. Consulta giovanile, per il Pd “una risorsa preziosa”

TAORMINA – Il Pd chiarisce la propria posizione in merito  all’istituzione della Consulta giovanile. Innanzitutto il circolo taorminese del Pd tiene a precisare che i consiglieri del gruppo di minoranza “Taormina bene comune” di cui fanno parte Moschella, e per il Pd Graziella Longo e Piero Benigni non hanno abbandonato l’aula al momento dell’approvazione del regolamento propedeutico all’istituzione della Consulta giovanile . L’argomento era al IV punto all’odg dell’ultima riunione del Civico consesso.  Il consigliere Benigni durante il suo intervento in aula proprio riguardo all’istituzione della Consulta per i giovani ha evidenziato che “tale atto è auspicabile perché è giusto dar voce e spazio ai giovani, una risorsa preziosa di cui la città deve avvalersi”.  Benigni ha anche fatto notare “il ritardo della politica nell’istituzione di un organismo tanto importante e che vede i giovani protagonisti”. Inoltre, durante il suo intervento il consigliere Benigni, ha sottolineato  più volte la validità di istituire la Consulta giovanile, ed ha precisato che “il regolamento presentato in sede consiliare, merita maggiori approfondimenti da parte di tutto il Consiglio e di certo, ha necessità di essere corretto in alcune parti, proprio per rendere efficace e improntata ad un iter di trasparenza democratica l’istituzione della Consulta”. Il consigliere Pd ha, dunque, chiesto di rinviare il regolamento al vaglio della prima Commissione Consiliare, affinché “esso sia uno strumento che abbia a cuore gli interessi dei giovani, che sia scevro da possibili usi strumentali e che generi un confronto approfondito tra tutti i consiglieri, in modo tale da raggiungere un risultato condiviso e vicino all’unanimità nell’approvazione e adozione da parte dell’organo consiliare”. Infine Benigni, durante il suo intervento, si è anche preoccupato di chiedere, “che a questi ragazzi venga assegnata una sede consona per riunirsi”.

Leave a Response