Taormina. Inizia l’era di mons. Lupò: “Il lavoro fatto non va gettato via, ma adesso bisogna andare avanti”

TAORMINA – E’ arrivato in punta di piedi, ben consapevole del fatto che i cuori di molti taorminesi sono ancora legati al suo predecessore, padre Salvatore Sinitò il cui allontanamento ha generato non poche polemiche e malumori. Ma mons. Carmelo Lupò è deciso a conquistare la fiducia della comunità, profondamente spaccata. Lupò non guarda al passato, e pensa già al futuro: “E’ il momento di rasserenarsi e andare avanti” ha detto. Un accenno poi, seppur velato, a padre Sinitò: “ Il lavoro svolto non va gettato via, ma – tagli corto Lupò – adesso però c’è una nuova guida e mi aspetto possa esserci un clima di serenità per operare al meglio”. Certo l’inizio non è stato dei migliori e l’accoglienza forse non quella desiderata: nel giorno dell’insediamento di Lupò i taorminesi presenti alla celebrazione erano davvero pochi. Ma il nuovo arrivato non si abbatte e va avanti: “Nei prossimi giorni cercherò di capire come come si svolgono le attività nella chiesa taorminesie poi – continua – incontrerò i malati e convocherò altre riunioni”… IL SERVIZIO INTEGRALE NEL TG90 DEL 13 SETTEMBRE 2014

Leave a Response