Furci. Ipotesi doppio senso di circolazione sul lungomare, commercianti sul piede di guerra

FURCI SICULO – I commercianti del centro commerciale naturale “Bonarema” hanno chiesto al sindaco, Sebastiano Foti, di essere convocati per discutere in merito alla paventata ipotesi di istituire il doppio senso di circolazione sul lungomare. «Ancora non siamo stati consultati dall’Amministrazione – hanno scritto in una nota – ed intendiamo sapere se veramente si intende adottare questo provvedimento. Se ciò fosse vero – aggiungono – sarebbe grave non aver sentito il parere dei commercianti e, in particolare, il centro commerciale naturale Bonarema”. Che, comunque, – assicurano i numerosi consorziati – sarà propositivo nel collaborare per una soluzione condivisa che non penalizzi le attività economiche di Furci». La maggior parte dei commercianti non gradisce il doppio senso sulla litoranea temendo drastiche riduzioni dei profitti già messi a dura prova dalla crisi.
I residenti sulla Statale, intasata da auto e mezzi pesanti, non la pensano allo stesso modo e ritengono che il lungomare possa rappresentare una valvola di sfogo e ridurre lo smog. Nei giorni scorsi è stata avviata sul web una petizione popolare (primo firmatario Giuseppe Nicita, al quale si sono presto aggiunti altri cittadini). Ultimata la raccolta di firme, il documento sarà consegnato all’amministrazione comunale con un invito preciso: «Mantenete il senso unico sul lungomare ed abbiatene cura». I promotori della petizione sostengono che «riempiendo il nostro piccolo e stretto lungomare di camion, autobus, altri mezzi pesanti ed automobili e togliendo al nostro paese un centinaio di posti auto, si renderà invivibile quel che resta di questo piccolo angolo di paradiso. E ci indurrebbe a contemplare i mezzi pesanti anziché il mare ed a respirare smog, invece dell’aria marina». I firmatari della petizione chiedono all’amministrazione «di mantenere il senso unico sul lungomare e di adoperarsi per preservare e valorizzare tutto il paese. Sui provvedimenti necessari per liberare dal caos la Statale 114 che attraversa per intero l’abitato di Furci, a luglio era intervenuto il neocomandante dei vigili urbani, capitano Diego Mangiò, con una relazione inviata al sindaco, Sebastiano Foti, agli assessori e al presidente del Consiglio.
Mangiò ha proposto un piano viario che prevede il doppio senso sulla litoranea, salvaguardando la pista ciclabile «attraverso il divieto di sosta lato monte ove la larghezza della carreggiata non permette il transito di due veicoli».

Leave a Response