S. Teresa di Riva. Piano di zona, il sindaco De Luca: “Un errore spalmare le risorse su più progetti a discapito dei disabili”

S.TERESA- “Polverizzare le risorse su più progetti equivale ad azzerare quanto in questi anni è stato fatto per i disabili. Con minori risorse disponibili non riusciamo a garantire l’adeguata assistenza ai disabili e alle loro famiglie, che rappresentano una priorità per l’amministrazione santateresina”. Motiva così, il sindaco di Santa Teresa, Cateno De Luca, la scelta del Comune di Santa Teresa di Riva di accogliere l’istanza, presentata ufficialmente nelle scorse settimane da tre associazioni di Taormina, due di Santa Teresa, una di Gaggi e dal coordinamento locale area jonica del Centro servizi volontariato di Messina, che riguarda la revoca in autotutela della delibera di approvazione del piano di zona. Ad avviso del Comintato “C’è chi dice no”, che racchiude le associazioni, la revoca della delibera da parte del Comune di Santa Teresa farebbe “venire meno l’accordo di programma”, e quindi lo stesso Piano di Zona. Ma tutti gli altri Comuni ricadenti nel Distretto socio sanitario D32, che comprende 24 centri della Valle dell’Alcantara e dell’Agrò, sono decisi ad andare avanti. Nessun ripensamento è giunto ieri dai sindaci che si sono riuniti nell’aula consiliare di Palazzo dei Giurati a Taormina. “Non c’è motivo per revocare il piano che è stato esitato all’unanimità il primo luglio scorso e che ora si trova già depositato a Palermo – spiega il sindaco di Taormina Eligio Giardina, ente locale capofila del distretto. Un dietrofront a questo punto dell’iter procedurale rallenterebbe ulteriormente i tempi per dare risposte concerete ai cittadini”. Il primo cittadino di Taormina lancia poi una frecciata al collega di S.Teresa che ieri ha mandato in rappresentanza dell’amministrazione l’assessore ai servizi sociali, Annalisa Miano: “ De Luca – conclude il sindaco Giardina – avrebbe dovuto presentarsi in prima persona per discutere il delicato argomento”. 

Leave a Response