S. Teresa. Servizi riabilitativi per minori nell’ex Pretura, ”si” del ministero di Grazia e giustizia

SANTA TERESA RIVA  – Il Ministero della Giustizia ha autorizzato il Comune di Santa Teresa a destinare i locali dell’ex Pretura (nella foto), che ospitavano l’ufficio del Giudice di pace, per i servizi riabilitativi per minori. «I lavori – ha annunciato il sindaco, Cateno De Luca – adesso potranno essere completati». Lo scorso 23 luglio il presidente feriale del Tribunale di Messina aveva trasmesso al Ministero una nota firmata dal primo cittadino di Santa Teresa, relativa alla richiesta di disponibilità dell’attuale aula per le udienze civili da destinare, dopo l’intervento di adeguamento, a servizi riabilitativi per minori gestiti dall’Azienda sanitaria provinciale di Messina. L’edificio, di proprietà del Comune, è stato realizzato tramite un finanziamento statale concesso dalla Cassa Depositi e Prestiti. Nella risposta del responsabile della Direzione generale delle risorse materiali, beni e servizi del Ministero viene specificato che sui locali «vige un vincolo di destinazione ad uso della Giustizia: di conseguenza questo Ministero autorizza il Comune ad utilizzare l’edificio (o parte di esso) a scopi diversi, quali nella fattispecie l’ubicazione dei servizi riabilitativi dei minori gestiti dall’Asp. Ma soltanto a condizione – si legge – che qualora sopraggiungessero necessità di Giustizia, l’immobile venga restituito agli uffici giudiziari». Il sindaco De Luca aveva deciso la scorsa primavera di revocare l’istanza del mantenimento dell’ufficio del Giudice di pace (che era stata accolta dal Ministero il 14 marzo) dopo che i sindaci del mandamento disertarono un vertice sulla ripartizione delle spese, che Santa Teresa si sarebbe accollata per il 50%.

Leave a Response