Nizza Sicilia. Al via i lavori per l’approdo delle imbarcazioni da pesca e diporto all’altezza del quartiere San Giovanni

NIZZA SICILIA –  Aggiudicati in maniera definitiva i lavori per l’approdo delle imbarcazioni da pesca, diporto e area pescatori, finanziati dalla Regione con circa 400mila euro. Dopo la verifica dei requisiti della ditta messinese aggiudicataria, sarà stipulato il contratto e gli interventi potranno prendere il via. Interesseranno la foce del torrente Nisi. Nei mesi scorsi non erano mancate le polemiche e i dubbi sull’effettiva utilità del progetto, contestato a più riprese sia dai pescatori professionisti che da alcune forze politiche, come il circolo del Pd e il gruppo “Libera Nizza”. L’amministrazione, anche attraverso alcuni incontri con gli stessi pescatori, ha cercato di fare chiarezza rassicurando sull’efficacia degli interventi, che dovrebbero agevolare le operazioni di varo e alaggio delle imbarcazioni. E’ prevista, infatti, l’installazione di due argani elettrici. Ma è proprio questo uno dei punti contestato dai pescatori che hanno evidenziato come tali argani risulterebbero insufficienti e richiederebbero molta manodopera, mentre attualmente con i trattori non si presentano grandi difficoltà a gestire le operazioni. Nei vari incontri sono stati chiesti dei correttivi al progetto e c’è curiosità adesso nel vedere se l’amministrazione accoglierà tali istanze. I lavori, in base ai tempi burocratici previsti per l’espletamento delle procedure di consegna, potrebbero essere avviati già entro la fine dell’estate. Oltre alla realizzazione dei servizi mancanti, il progetto prevede anche la creazione di un capannone, dell’impianto di illuminazione e di colonnine per acqua e elettricità. E’ stata scartata dalla Regione, invece, l’ipotesi di attrezzare un’area per la vendita del pescato. Il progetto è stato finanziato nell’ambito del bando dell’assessorato regionale delle Risorse agricole e Alimentari, Dipartimento regionale per la Pesca, relativo alla misura 3.3 “Porti, luoghi di sbarco e ripari di pesca” del Po Fesr.

Leave a Response