Savoca. Tutti a casa, si è dimesso il sindaco Paolo Trimarchi. E’ l’epilogo dello scontro al vetriolo con il suo vice Cettina Pizzolo

SAVOCA – Ad appena due anni dalle elezioni amministrative, il ”giocattolo” già sfasciato si è rotto. E la parola tornerà tra un anno agli elettori. L’ultimo atto, per certi aspetti atteso, le dimissioni del sindaco Paolo Trimarchi (nella foto). Altrettanto hanno fatto gli assessori e cinque consiglieri di maggioranza che erano rimasti vicini a Trimarchi: Antonella Savoca, Giuseppe Meesa, Giuseppe Muscolino, Eugenio Bellomo, Marco Chillemi. La decisione dell’ormai ex sindaco Trimarchi arriva dopo le dimissioni dello scorso marzo del vicesindaco Cettina Pizzolo. Tra i due sin dalla composizione della lista c’erano state ”incomprensioni”, con la Pizzolo che intendeva candidarsi a sindaco ma che alla fine aveva ceduto a favore di Paolo Trimarchi. Ma anche dopo le elezioni la convivenza tra i due non è stata mai delle più facili con accuse reciproche al vetriolo che nulla avevano (e hanno) a che vedere con la politica. La Pizzolo, tra l’altro, rinfacciava a Trimarchi di essere stata semplicemente inserita in lista per vincere le elezioni e che lo stesso Trimarchi non aveva tenuto fede ad alcuni accordi pre-elettorali. Una delle questioni al centro dello scontro tra sindaco e vice, quello del marito ingegnere di Cettina Pizzolo che secondo Trimarchi non poteva più rimanere a capo dell’ufficio tecnico savocese per una vicenda giudiziaria nella quale era rimasto coinvolto. Ovviamente la Pizzolo aveva smentito quanto detto da Trimarchi, accusandolo di non dire il vero perché il problema non era il marito ma più semplicemente un insieme di circostanze di natura politica. Insomma, tra i due ormai da tempo e, forse sin dall’inizio, i rapporti si erano deteriorati, era scoppiato uno scontro con colpi bassi e che oggi si è concluso con le dimissioni di Paolo Trimarchi. Adeso, come previsto dalle normative di legge, il Comune sarà retto per un anno da un commissario nominato dalla Regione dopodiché si alzerà nuovamente il sipario sulla scena politica.

Leave a Response