Alì Terme. Pannelli di eternit rinvenuti nel greto del torrente in contrada ”Saitta”

ALI’ TERME – Discarica, ovviamente abusiva, con numerosi pannelli ondulati di eternit sulla sponda destra del torrente Alì, nella zona alta di contrada ”Saitta”. Sono accatastati a ridosso del terrapieno della strada adiacente al torrente. Lo scatto della foto del luogo del rinvenimento è dell’altro ieri. Quello che preoccupa di più è il potenziale pericolo di inquinamento delle acque del torrente. Una vera ed ennesima aggressione alla natura ad uno dei luoghi più suggestivi della vallata che ricade nei territori di Alì Terme e Alì. In contrada ”Saitta”, comunque, si riscontra da tempo altro tipo di degrado dovuto allo scarico di rifiuti vari e scarti dell’edilizia. Adesso, c’è anche l’eternit. Un atto di delinquenza ambientale, un ripetersi di scaricatori abusivi. Le lastre di eternit abbandonate se lasciate lì si possono deteriorare, disperdendo nell’ambiente e nell’aria una sostanza tossica pericolosa per la salute. Ecco perché adesso è necessario avviare una procedura d’urgenza per la messa in sicurezza del sito, che va circoscritto in attesa che i pannelli del pericoloso materiale vengano rimossi e smaltiti da una ditta specializzata. Operazione, questa, che dev’essere pianificata dal sindaco del comune di Alì Terme in quanto responsabile della salute pubblica e della tutela del territorio. Sarebbe anche opportuna una segnalazione ai carabinieri della locale caserma e alle autorità sanitarie sovracomunali. Infine rimane dire che sarebbe da prendere in considerazione l’avvio di una indagine nel tentativo di identificare i responsabili che ritengono di poter agire impunemente nel trasformare in pattumiera il territorio di contrada ”Saitta”.

(Nella foto, i pannelli di eternit rinvenuti a ridosso del  torrente)

Leave a Response