Aro.Taormina fa dietrofront: non entrerà nel progetto e affiderà il servizio all’Asm

TAORMINA – Una risposta ufficiale non c’è stata, ma le intenzioni del comune di Taormina sono ormai chiare. La città del Centauro non aderirà all’Aro e affiderà il servizio di gestione dei rifiuti all’Asm. I comuni del comprensorio taorminese attendono notizie da tempo, ma la Perla è stata latitante. Adesso però il no all’entrata nel lambito di raccolta ottimale è arrivato nei fatti: il comune di Taormina nel piano di riequilibrio finanziario già trasmesso alla Corte dei Conti ha esplicitato l’intenzione di trasferire la raccolta e lo smaltimento dell’immondizia alla municipalizzata. Un dietrofront che ormai si sospettava da mesi: Taormina la scorsa estate aveva dato l’ok per aderire all’Aro firmando un protocollo d’intesa con Giardini, Letojanni, Castelmola, Mongiuffi, Gallodoro e Gaggi. I sei comuni però sono decisi ad andare avanti e a non perdere tempo: “In settimana approveremo il progetto” – annuncia il sindaco di Giardini Nello Lo Turco che già nei prossimi giorni dovrebbe convocare l’assemblea per formalizzare il placet dei colleghi al programma operativo. E sulla latitanza del comune di Taormina Lo turco è diplomatico: “Rispettiamo la decisione della Città del centauro, ma la nostra aro andrà avanti e si concretizzerà molto presto”. Nella Perla intanto a breve si delibererà il passaggio da messinambiente all’Asm. Il passaggio è previsto per la fine di marzo.

Leave a Response