S. Teresa. Rischio idrogeologico, piani d’intervento per la messa in sicurezza dei torrenti

S. TERESA DI RIVA – Cambio di passo sul contrasto del rischio idrogeologico che pende sul territorio comunale. L’ha promesso il sindaco Cateno De Luca (nella foto), che con un’apposita delibera di Giunta ha disposto un’accurata revisione del parco progetti già a disposizione dall’Amministrazione comunale. Piani di intervento che riguardano i torrenti Savoca, Agrò e Porto Salvo, il quartiere Sturiale e il cimitero di Misserio, senza dimenticare la lotta all’erosione costiera. «Purtroppo per la gran parte di questi interventi – ha spiegato il sindaco De Luca – non sono stati mai redatti neanche i progetti preliminari». Per la Giunta, inoltre, risulta «non procastinabile implementare il parco progetti relativo alla difesa del suolo mediante nuove progettazioni per quelle aree perimetrate nel Pai come a pericolosità, rischio o sito di attenzione sotto l’aspetto geomorfologico o idraulico». L’Ufficio tecnico comunale dovrà predisporre le attività per programmare gli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico procedendo alla «ricognizione, revisione, aggiornamento, integrazione e nuove progettazioni in materia di difesa del suolo con specifico riferimento al rischio geomorfologico, idraulico ed erosione costiera».
De Luca non intende perdere tempo: entro 10 giorni lo stesso Ufficio dovrà relazionare sullo stato delle progettazioni esistenti, sul livello di progettazione, importi e stato di approvazione. L’elenco dovrà essere riferito ad ogni «area a pericolosità, rischio e sito di attenzione, geomorfologico, idraulico ed erosione costiera, al fine di implementare il parco progetti relativo alla difesa del suolo mediante nuove progettazioni per aree che non dovessero prevedere programmazione di interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico». Intanto, è stata trasmessa all’Assessorato regionale al Territorio e ambiente e al Ministero dell’Ambiente, la richiesta di finanziamento per la realizzazione del progetto di protezione del litorale della cittadina jonica. Il piano preliminare ammonta a 9 milioni 553mila 600 euro e prevede la realizzazione di pennelli perpendicolari alla linea di costa di lunghezza e inclinazione variabile secondo quanto verrà dettato da uno studio in corso di redazione.

 

Leave a Response