Taormina. Seduta di Consiglio solenne per consolidare i rapporti con la Russia

TAORMINA – Il Console Generale di Russia per la Sicilia e Calabria Vladimir Korotkov ha accettato l’invito rivoltogli dall’Amministrazione Comunale di Taormina di presenziare ad una seduta solenne del Consiglio Comunale che avrà luogo mercoledì 11 dicembre alle ore 17 per ringraziare ufficialmente l’alto rappresentante del governo della Federazione di Russia per l’attenzione dimostrata dal Governo e dai media russi verso Taormina dove, nell’arco di un solo anno, sono raddoppiate le presenze dei turisti russi. Il Sindaco Eligio Giardina ed il Presidente del Consiglio Antonio D’Aveni, a nome della Città, attraverso il Console Generale Vladimir Korotkov ringrazieranno in particolar modo anche il Presidente delle Ferrovie Russe, che è anche il Presidente della Fondazione S.Andrea-Centro della gloria nazionale di Russia,Vladimir Yakunin che ha donato alla Città di Taormina il busto bronzeo dello Zar Nicola II, collocato nel giugno dello scorso anno al Giardino Pubblico. E’ stata, infatti, la Fondazione S.Andrea ad organizzare a proprie spese la cerimonia alla quale hanno partecipato la Banda della Marina Militare Russa e numerose alte personalità politiche e religiose cristiano ortodosse, oltre agli inviati di ben 5 televisioni nazionali e decine di giornalisti russi che, con i loro reportages, hanno contribuito a far conoscere Taormina in Russia.
La cerimonia che avrà luogo nell’aula del Consiglio Comunale sarà molto sobria ma,come è convinto l’ideatore Dino Papale, confermato esperto per la Promozione ed i Grandi Eventi di Taormina anche dal Sindaco Giardina, aprirà importanti sbocchi futuri per il turismo taorminese soprattutto attraverso la chiave degli scambi culturali.
Taormina, così, si propone come esclusiva sede permanente della cultura russa nel Mediterraneo. “Qui hanno convissuto pacificamente, nella tolleranza e nella concordia – dice Papale – cristiani e musulmani, ariani ed ebrei,da sempre è stata aristocratica oasi di dialogo pacifico fra i popoli quindi ha tutti i titoli per divenire,con poco sforzo, una sede permanente della cultura russa nel Mediterraneo,aprendo un ponte fra il sud ed il nord del Mediterraneo, fra l’Est e l’Ovest”.

 

Leave a Response