Nizza. Il sindaco Di Tommaso: ”Debiti? Una esagerazione dei giornalisti”.

NIZZA DI SICILIA – La tanto sbandierata situazione di sfascio economico del Comune sarebbe una invenzione dei giornalisti, lo ha detto nella sua relazione annuale il sindaco di Nizza  di Sicilia, Giuseppe Di Tommaso. In buona sostanza, dunque, colpa di alcuni giornali e tv che gonfiano le notizie. Più esattamente il dire di Tommaso: ”il Comune di Nizza non è quello descritto da certa parte della stampa o dalle minoranze politiche”. Di Tommaso, però, è caduto poi in contraddizione riconoscendo, finalmente, la precaria situazione economica del Comune che, a quanto risulta, ha accomulato debiti per milioni di euro. «Alcuni riconoscimenti di debiti fuori bilancio, approvati dal Consiglio comunale, e l’istituzione di due nuovi servizi autonomi – ha detto il sindaco – quello delle entrate e quello del controllo del territorio, non hanno certo risolto le questioni ma hanno posto l’attenzione sulle situazioni evidenziate, che proprio in virtù del conseguente approfondimento, troveranno sicuramente la necessaria e improcrastinabile soluzione». Dunque, al di là della quantificazione dell’incontestabile ”buco” milionario, Di Tommaso se la prende, come accennato, anche con le minoranze consiliari colpevoli di aver divulgato numeri a casaccio. Per il primo cittadino nizzardo, perciò, la situazione è «quella apprezzata dai cittadini, dai turisti e dagli abitanti del comprensorio. Un Comune che continua a mantenere – ha detto – un ruolo indiscusso e soddisfacente, magari non completo, di qualità e funzionalità». Che i turisti siano soddisfatti non c’è dubbio, anche perché hanno ben altro da fare che andare a spulciare  i conti al Comune. Stesso discorso per gli abitanti del comprensorio che, probabilmente, non sanno neppure dove sia collocato il Municipio di Nizza. Per quanto concerne l’apprezzamento dei nizzardi, da sottolineare che la quasi totalità di loro ha altro a cui pensare per affrontare i problemi della quotidianità. Altro che bilanci! Bene avrebbe fatto Di Tommaso a fare l’elenco analitico dei numeri per quantificare l’enorme debito rimediato negli ultimi anni dall’amministrazione attiva. Altro che giornalisti esagerati, come se venissero da Marte. Di Tommaso, poi, ha illustrato alcune azioni «che conferiranno al Comune un assetto funzionale e moderno, secondo le indicazioni del programma amministrativo presentato nella competizione elettorale del 2012 e approvato dagli elettori».

Leave a Response