Alì Terme. Un totem per ricordare che passa il 38° parallelo

ALI’ TERME – Entro l’anno sarà  completato il monumento che testimonia il ”passaggio” del 38° Parallelo in territorio del comune di Alì Terme. A ”scoprirlo” l’architetto Benedetto Falcone dell’Ufficio tecnico comunale dopo uno studio approfondito e riscontri scientifici. Falcone è anche l’ideatore dell’opera. Quasi nessuno ad  Alì Terme e nei paesi vicini era a conoscenza della linea immaginaria che cade esattamente sul marciapiede lato mare del lungomare, all’altezza del vico S. Lucia. E in quel posto sarà collocato un  totem alto 3 metri e 45 con basamento  di ghisa e telai in lamiera d’acciaio, che sarà illuminato da un fascio di luce proveniente dal basso. ”Il 38° parallelo – spiega l’assessore al Turismo  Carmelo Sparacino era il confine originario tra le zone di occupazione sovietica e americana in Corea, stabilito dopo la resa dell’Impero giapponese nel 1945. Nel 1948, la linea di demarcazione divenne il confine tra le nuove nazioni indipendenti di Corea del Nord e Corea del Sud. Alla fine della Guerra di Corea (1950-1953), un nuovo confine venne stabilito nel mezzo della zona demilitarizzata, che taglia il 38° parallelo con un angolo acuto da sud-ovest a nord-est. Adesso abbiamo scoperto – aggiunge l’assessore –  che  il famoso 38° parallelo attraversa pure ad Alì Terme. Tra le città ”toccate” dal 38° parallelo figurano tra le altre Seul, Smirne, Atene, San Francisco,  Cordova, Reggio Calabria e adesso pure Alì Terme. Per noi il monumento rappresenterà un simbolo di pace ma ovviamente anche un’attrattiva turistica”.  Alla struttura verranno inoltre collocati pannelli d’informazione turistica  di località attraversate dal 38° parallelo. A contribuire a far diventare noto in tutto il mondo questo ”confine senza barriere” anche numerosi  film, il più famoso dal titolo ”38° Parallelo: missione  compiuta” con George Peppard del 1959. Le spese  per il  totem del 38° parallelo, rientrano nei 100 mila euro per concretizzare il progetto finanziato dal Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo relativo alla linea d’intervento 3.3.3 3. del programma  operativo Fesr  2007-2013 che prevede la segnaletica  turistica di tipo elettronico sul lungomare e sulla centrale via Francesco Crispi con l’utilizzo di pannelli a messaggio variabile. ”Questo – dice l’assessore al Turismo Carmelo Sparacino – ci consentirà di pubblicizzare eventi o iniziative in tempo reale a costi molto contenuti, risparmiando sulla produzione di manifesti cartacei e contribuendo così alla salvaguardia dell’ambiente”. I pannelli informativi saranno alimentati da energia fotovoltaica e gestiti da una postazione che verrà  allestita all’interno degli uffici comunali.

Leave a Response