Nizza. Cittadella, firmato contratto con l’Asp per 550mila euro l’anno

NIZZA DI SICILIA – Da oggi il futuro della “Cittadella della Speranza” e dei 20 ragazzi autistici assistiti nella stessa struttura ha delle certezze. Al termine di un incontro svoltosi nella sede generale dell’Asp di Messina è stato ufficialmente siglato il contratto che assicura il contributo finanziario pari a 550mila euro l’anno alla struttura di contrada Olivarella. Una firma che rappresenta una garanzia per il domani dei soggetti diversamente abili che da quasi un anno sono in cura nella struttura di Nizza. La continuità e la sicurezza del contributo rappresenta una speranza anche per le famiglie dei ragazzi che da tempo aspettavano di conoscere il destino della Cittadella. Scongiurata dunque la possibile riduzione del contributo di cui si era parlato nei mesi scorsi. Al tavolo erano presenti il Commissario straordinario Asp di Messina Manlio Magistri, il capo del Dipartimento Salute Mentale dell’Asp, Antonino Ciraolo, il dott. Criscelli addetto all’apertura delle strutture per disabili in provincia di Messina ed il Direttore Sanitario dell’Asp 5, Santo Conti. Le organizzazioni del territorio erano invece rappresentate dalla “Carpe Diem Onlus”, dall’Associazione “Oltre il Sole” di Naso, dall’ “Angsa” di Barcellona Pozzo di Gotto e dall’Associazione “Candido” di Messina. “La Cittadella della Speranza” ospita attualmente 10 soggetti autistici in età scolare e adolescenziale e 10 giovani adulti. Una struttura a valenza terapeutica e socio – riabilitativa che mira  all’acquisizione di competenze per il raggiungimento dei migliori risultati possibili di autonomia personale, di interazione sociale e di inserimento nel mondo del lavoro dei ragazzi autistici. Si tratta di una struttura costruita grazie alla generosità della famiglia Maggiore, della Caritas e del comune nizzardo che ha concesso il terreno. La Cittadella si sviluppa su un unico piano, di circa 500 mq, priva di barriere architettoniche, arricchita da un campetto polivalente e da un’ampia area verde all’interno della quale gli ospiti saranno coinvolti in diverse attività. L’Asp di Messina ha messo a disposizione il proprio sostegno attraverso l’impiego di due supervisori, uno psichiatra e un neuropsichiatra infantile, che operano a garanzia del corretto andamento del progetto. Soddisfatto del traguardo raggiunto Pippo Calà, presidente dell’associzione “Carpe Diem onlus”. La realtà di contrada Olivarella che rappresenta il punto di riferimento per l’autismo per intera provincia di Messina è nato grazie alla determinazione e alla caparbietà del presidente di “Vivere Insieme” Ulderigo Diana e dei genitori dei ragazzi diversaente abili che hanno fortemente voluto un futuro migliore per i loro figli.

Leave a Response