Casalvecchio. Il sindaco Rigano a giudizio per omissione di atti d’ufficio

CASALVECCHIO SICULO – Onofrio Rigano, 54 anni, sindaco di Casalvecchio Siculo, è stato rinviato a giudizio dal gup Maria Teresa Arena, per omissione di atti d’ufficio continuata (art. 81 e 328 c.p.). La prima udienza è stata fissata per il 4 marzo 2013. A segnalare il comportamento omissivo del sindaco casalvetino erano stati il Prefetto ed il giudice del lavoro. La vicenda prese l’avvio il 1. settembre 2009 con una delibera di giunta con la quale venivano revocate le mansioni superiori alla responsabile dell’ufficio di ragioneria, dott. Immacolata Casablanca, “per incapacità professionale”. La delibera venne approvata dal sindaco, dal vice sindaco Onofrio Santoro e dell’assessore presente, Carmelo Miuccio ed ottenne il parere favorevole del responsabile amministrativo, Giuseppina Meesa. La Casablanca, che il girono prima della revoca aveva presentato il bilancio consuntivo muovendo numerosi rilievi sulla gestione delle finanze del Comune – ci fu, successivamente, anche l’arresto di un dipendente perchè si era appropriato del denaro della gestione cimiteriale – fece ricorso al giudice del lavoro che con decisione del 31.12.2009 dispose l’immediato reintegro della Casablanca. Il comune si oppose per altre due volte alla decisione del collegio arbitrale soccombendo in tutti e tre i ricorsi. Il sindaco omise di adempiere alle ordinanze del giudice del lavoro Beatrice Catarsini, anche dopo la notifica di due decreti ingiuntivi. A questo punto l’impiegata scrisse al Prefetto sollevando il caso. La prefettura trasmise gli atti alla Procura della Repubblica. Da qui il rinvio a giudizio. Ancora oggi, però, la dottoressa Casablanca, non è stata reintegrata nelle mansioni superiori di reggente dell’ufficio di ragioneria, mentre il sindaco Rigano, con propria determina, ha conferito incarico temporaneo retribuito di collaboratore esterno alla dottoressa Rosa Puliatti, dipendente a tempo pieno ed indeterminato di altra amministrazione. L’incarico scade il 31 gennaio 2013. La dottoressa Casablanca era rappresentata dall’avv. Adriana La Manna, il sindaco Rigano dall’avv. Salvatore Garufi. (gi.pu.)

 

Leave a Response