Taormina. La ztl non convince i residenti. Nasce il comitato cittadino

TAORMINA. La fase sperimentale della ztl nel centro storico di Taormina non va proprio giù ai residenti. La zona a traffico limitato è già attiva nella Città del Centauro attraverso una fase di monitoraggio dei flussi che raggiungono il centro e che vengono controllati da 5 telecamere posizionate nel cuore pulsante della cittadina. I taorminesi non hanno mai fatto mistero di non essere d’accordo l’indroduzione definitiva della ztl e nelle scorse hanno costituito il comitato “No alla ZTL”. «Il sistema delle Ztl – si legge in una nota – limiterà l’accesso ai soli residenti senza aver consultato noi cittadini, senza la giusta informazione”. Il servizio di telecamere rappresenta una reale minaccia per l’economia della città. ” Si dovrebbe pensare – continua il documento – a fornire servizi ai potenziali turisti”. Secondo il comitato cittadino infattio un piano viario del genere tende a limitare solo le affluenze. Ma secondo i commercianti le priorità nella “Perla” sono ben altre: “Ci riferiamo – si legge nella nota –  ai collegamenti interni, il collegamento Lumbi-Fontana vecchia tramite scale mobili, alla sostituzione delle navette con bus elettrici, alla revisione della segnaletica orizzontale e verticale ed apposizione degli indicatori luminosi dei flussi viari. In un momento in cui i grandi centri commerciali fanno una dura concorrenza alle attività economiche della città di Taormina, – continua il documento –  dove i parcheggi sono gratuiti e facilmente raggiungibili, bisognerebbe rivedere oltre ai servizi da offrire alla clientela anche le tariffe dei parcheggi. Si propone inoltre di incrementare, come da anni indichiamo in tutte le sedi istituzionali e non, i parcheggi di zona, come quelli di Villagonia e Mazzarò, collegandoli con il centro storico, oltre al potenziamento del Terminal Bus».

Leave a Response