Il ”caso” Nizza Sicilia, D’Alia: ”Non esiste nessuna spaccatura nell’Udc messinese”

MESSINA – Dal senatore Gianpiero D’Alia, riceviamo una nota che pubblichiamo integralmente. ”In riferimento all’articolo da voi pubblicato, su una possibile spaccatura interna nell’Udc, tra il senatore Gianpiero D’Alia e l’onorevole Giuseppe Naro, in vista delle amministrative a Nizza, il coordinatore regionale, Gianpiero D’Alia, precisa: “Non esiste alcuna spaccatura all’interno dell’Unione di centro messinese. E’ stato deciso da tempo, invece, dal coordinamento regionale dell’Udc che, alle prossime amministrative, nei comuni al di sotto dei 10 mila abitanti, ci siano solo aggregazioni civiche e non candidati di riferimento del partito. In relazione a ciò, quindi, ogni esponente politico è libero di sostenere chi reputa opportuno nei diversi comuni e le scelte dei dirigenti pur rispettabili, sempre in questi comuni, non impegnano la linea del partito. Per quanto mi riguarda, infine, non ho correnti e quindi non sono a sostegno di nessuno” .

—–

Stando al senatore D’Alia, quindi, nell’Udc messinese non c’è nessuna spaccatura sul ”caso” Nizza anche se di contro non si riesce a capire l’alzata di scudi dell’on. Giuseppe Naro che ha chiaramente detto che alle amministrative di maggio l’Udc sosterrà l’uscente sindaco Giuseppe Di Tommaso mentre, al contrario, il coordinatore provinciale del partito, Matteo Francilia, si è schierato, sempre a nome dell’Udc, a fianco della candidata Mimma Brigandì, sfidante di Tommaso. Prendiamo poi atto del dire di D’alia quando ricorda che l’Udc – così come deciso dal partito stesso –  nei Comuni al di sotto dei 10 mila abitani consente ai suoi politici, seppur non ufficialmente,  di sostenere chi reputano opportuno. Ma allora che bisogno c’era sollevare una questione politica nel momento in cui le regole sono state rispettate sia da D’Alia che da Naro?

Leave a Response