S. Teresa. Sequestrati 130 chili di ”botti”, padre e figlio denunciati per trasporto abusivo di materiale esplodente

S. TERESA DI RIVA – I carabinieri della Compagnia di Taormina ed in particolare quelli della Stazione di Santa Teresa di Riva, nell’ambito di specifici servizi finalizzati al contrasto della detenzione e del trasporto illegale di giochi pirotecnici effettuati sul territorio di competenza, hanno proceduto al sequestro di 130 kg. circa di “botti” trasportati a bordo di un’autovettura senza le previste licenze. Ad attirare l’attenzione dei carabinieri è stato l’atteggiamento nervoso degli occupanti dell’autovettura, due messinesi, padre e figlio, titolari a Messina di una rivendita di giochi pirotecnici: dal controllo operato è emerso che, sebbene titolari di licenza per la vendita, i due messinesi non disponevano della licenza per il trasporto di giochi pirotecnici per cui i carabinieri hanno proceduto al sequestro di tutto il materiale consistente in artifizi pirotecnici (di vario genere e di libera vendita) appartenenti alle categorie IV e V, del peso complessivo di kg. 130, e con una massa attiva di kg. 20 circa. Padre e figlio sono stati denunciati per trasporto abusivo di materiale esplodente.

Leave a Response