Roccalumera. Aiuti per contrastare la poverà e l’esclusione sociale

ROCCALUMERA  – Contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, mediante interventi di inclusione attiva rivolti ai gruppi maggiormente vulnerabili: persone senza dimora, famiglie povere numerose o monoparentale, anziani soli. E’ l’ultima sfida dell’amministrazione comunale di Roccalumera, che ha attivato l’iter per la realizzazione di un progetto sperimentale finalizzato al sostegno all’invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni denominato: «Passato e futuro per un presente migliore». Il sindaco, Gianni Miasi, ha invitato i soggetti in possesso dei requisiti prescritti da uno specifico avviso del Ministero del Lavoro a presentare entro venerdì prossimo l’elaborato mirato al sostegno dell’invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni con particolare riferimento all’incentivazione del volontariato. L’obiettivo è la partecipazione alla vita sociale dei «nonnini», attraverso l’incontro tra le generazioni che abbia come scopo la comunicazione della cultura ai giovani attraverso meeting programmati tra gli anziani e i ragazzi che frequentano le scuole dell’obbligo, elementari e medie.
«Il progetto – ha spiegato il sindaco – si svolgerà nell’arco di 18 mesi e prevede analiticamente gli interventi programmati con l’individuazione del sistema di qualificazione dei risultati raggiunti e dei criteri adottati come sistema di valutazione». L’importo massimo del progetto ammissibile è di 24mila euro di cui 20mila finanziati e 4mila euro a carico del bilancio comunale.
«Il progetto ritenuto rispondente alla volontà dell’amministrazione comunale – ha evidenziato il primo cittadino – verrà esaminato e approvato secondo la propria autonoma determinazione con delibera di Giunta municipale». I progetti dovranno essere proposti dal Comune e dovranno necessariamente prevedere il coinvolgimento di Enti appartenenti al terzo settore. Dovranno altresì fare riferimento ad aree specifiche. Roccalumera ha scelto quella legata alla solidarietà tra le generazioni per un sostegno attivo agli anziani.

Leave a Response