S. Teresa. Strada intitolata ai fratelli Lo Schiavo, caduti durante la Seconda Guerra Mondiale

S. TERESA – Da giovedì sera una strada di S. Teresa di Riva ricorda il sacrificio dei fratelli Lo Schiavo, caduti durante la Seconda Guerra Mondiale. Un tributo pesantissimo quello che la famiglia Lo Schiavo pagò alla Patria. Antonio, Lucio, Carmelo e Francesco morirono in battaglia nel giro di pochi anni, tra il 1941 e il 1943, lasciando nel dolore la mamma Maria Carmela Rigano, il padre Domenico, e altri sette tra sorelle e fratelli. L’ultimo di questi, Vincenzo, insegnante in pensione, ha insistito a lungo affinché le eroiche gesta dei quattro ottenessero il giusto riconoscimento. E giovedì sera sera, anche se con un certo ritardo – come ha ammesso il sindaco Alberto Morabito –, l’Amministrazione santateresina, con una sobria cerimonia, ha intitolato loro la via Ex Campo Sportivo, un’arteria che congiunge via Porto Salvo con via delle Colline. A pochi passi dalla casa dove i fratelli Lo Schiavo vissero la loro breve giovinezza. Antonio Lo Schiavo, maresciallo pilota, venne decorato con la medaglia d’argento sul campo e con la medaglia d’oro alla memoria. Morì a 26 anni, il 15 febbraio 1943,  nel cielo di Napoli dopo una battaglia contro forze sovrastanti. Prima di Antonio erano morti Luciano e Carmelo, a 24 e 22 anni, combattendo per la Marina. L’ultimo a cadere, Francesco, anche lui marinaio, aveva appena venti anni. Nel 1978 il Comune di Casalvecchio, paese di origine del padre, scoprì un bassorilievo nel cimitero dove sono sepolte le ceneri di Antonio. Anche a Fiumicino c’è una via “Medaglia d’oro Antonino Lo Schiavo”, in ricordo del periodo di servizio che il maresciallo prestò in quell’aeroporto militare. S. Teresa, invece, li aveva quasi dimenticati. Nel 1983 venne intitolato loro il Lungomare, nel tratto da Pozzo Lazzaro a Barracca, ma nel 1994 il Consiglio revocò quella delibera perché la Prefettura non aveva omologato la procedura. Da allora, Vincenzo Lo Schiavo ha lottato per rivedere il nome dei suoi fratelli sulla targa di una strada. Finalmente il suo sogno si è avverato.

Leave a Response