Fiumedinisi. “Polemiche sterili”, il capogruppo di maggioranza Frasson replica all’opposizione

FIUMEDINISI – Pur senza entrare nel merito delle questioni poste, il gruppo consiliare di maggioranza ha replicato alle interrogazioni presentate nei giorni scorsi dall’opposizione. Due di queste erano state rivolte al commissario ad acta Lo Monaco, altrettante al presidente del Consiglio comunale Alessandro Rasconà. Ed è proprio quest’ultimo aspetto ad essere stato contestato dalla maggioranza che per voce del capogruppo Silvio Frasson ha sottolineato un errore di forma nella formulazione delle istanze. “Le interrogazioni a risposta scritta – ha spiegato Frasson – devono essere rivolte al sindaco, nel nostro caso al commissario, e non al presidente del Consiglio. L’articolo 11, comma 7, del regolamento parla chiaro – ha aggiunto Frasson – quello stesso regolamento che la minoranza dovrebbe studiare meglio, anziché tenerlo sul comodino”. Frasson affronta poi l’aspetto politico della vicenda. “Le interrogazioni presentate dalla minoranza – aggiunge – appaiono assolutamente sterili e senza alcun costrutto. Adesso che l’opposizione non può più criticare l’amministrazione – prosegue – pensa soltanto a creare un clima ostile e pieno di sospetti in paese. Purtroppo questo è il loro stile di fare politica – aggiunge l’esponente di maggioranza – che male si addice alle esigenze di Fiumedinisi, poiché non è che con la disinformazione e con le accuse gratuite che si può pensare di proiettarsi alle prossime elezioni. I cittadini di Fiumedinisi – conclude Frasson – sono persone intelligenti e la mia certezza è che si renderanno conto finalmente che queste persone, con tali atteggiamenti, porteranno solo danno al paese”. La minoranza, per la cronaca, nelle interrogazioni aveva tra l’altro segnalato presunte “invasioni di campo”, nell’attività degli uffici comunali e durante lo svolgimento delle sedute del consiglio comunale, da parte di “stretti collaboratori e parenti dell’ex sindaco”.

Leave a Response