S. Teresa. Nuove regole per locali e stabilimenti balneari

S. TERESA – Musica spenta negli stabilimenti balneari di S. Teresa di Riva dopo l’una di notte, mentre bar, ristoranti e ritrovi non potranno andare oltre la mezzanotte. L’attività di somministrazione di alimenti e bevande potrà invece proseguire fino alle 2. Il giro di vite è stato deciso dal sindaco Alberto Morabito che ha emanato una nuova ordinanza che disciplina gli orari e detta le norme comportamentali sugli intrattenimenti musicali negli esercizi pubblico. Un provvedimento destinato a far discutere e che ha già suscitato le proteste degli amanti della movida notturna, così come gli apprezzamenti di quanti vogliono garantito il diritto al riposo notturno. Sono stati proprio questi ultimi a spingere il primo cittadino ad emettere l’ordinanza. “E’ necessario – ha spiegato Morabito – che i locali osservino precise disposizioni in tema di orario, poiché al Comune pervengono ripetute segnalazioni, da parte di cittadini, di disturbo della quiete pubblica, soprattutto nelle ore notturne, per l’emissione sonora e il comportamento poco civile di alcuni avventori che non rispettano le più elementari norme igieniche e di decoro urbano”. Lo stop agli intrattenimenti musicali sarà imposto a partire dall’una negli stabilimenti balneari, che quest’anno a S. Teresa dovrebbero essere due (uno a Bucalo, l’altro a Barracca), mentre gli esercizi pubblici posti nelle vicinanze delle abitazioni dovranno spegnere casse e amplificatori a partire dalla mezzanotte. Il sindaco si è comunque riservato la facoltà di autorizzare deroghe per occasioni particolari, come ad esempio feste religiose, Ferragosto e la “Notte bianca”. L’ordinanza impone inoltre il divieto a tutti i rivenditori di bevande (bar, ristoranti, chioschi e lidi) di vendere bibite, per un consumo esterno al locale, in contenitori di vetro, al fine di “evitare pericoli alla pubblica incolumità derivanti da un uso improprio dello smaltimento dei medesimi contenitori”.

Leave a Response