Fazio: ”118 siciliano modello per il Paese”. Il 6 giugno convegno a Taormina dello Smi

“L’esperienza siciliana modello di riferimento per il Paese” grazie “all’ottimizzazione della funzionalità del 118” ottenuto attraverso “l’aumento delle ambulanze medicalizzate, la nuova figura di responsabile della Centrale operativa, la presenza dei medici di Centrale”.
Il ministro della Salute Ferruccio Fazio, in una lettera inviata al segretario del Sindacato medici italiani parla in termini entusiastici del 118 isolano in generale e di quello messinese in particolare. E quest’ultimo sarà proposto proprio come modello per l’intera Italia nel convegno al quale, il 6 giugno prossimo a Taormina, nel Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, prenderà parte l’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo.
Il simposio è organizzato dallo Smi e intende analizzare la realtà isolana dal piano di rientro al riordino del sistema, attraverso una complessa opera di  riorganizzazione del servizio di Emergenza-urgenza, che anche passa attraverso un’ulteriore specializzazione del personale dedicato con corsi universitari. servizio di Emergenza-urgenza. Parla in termini entusiastici del 118 isolano in generale e di quello messinese in particolare, c
L’istituzione del servizio di Emergenza-urgenza ha consentito di tagliare, in trent’anni, il numero di posti letto da dieci a tre per mille abitanti, con notevoli risparmi nei conti della Sanità. Nel contempo l’efficienza del servizio ha portato a un’impennata del numero delle chiamate: 30 milioni in un anno, il 50% in più nell’ultimo decennio.
Il convegno prenderà il via alle 9. Dopo i saluti delle autorità, e un’introduzione di Rosalba Muratori e Salvatore Valore, rispettivamente presidente e segretario regionale dello Smi, prenderanno la parola Enzo Picciolo, responsabile regionale Emergenza del sindacato (parlerà su Il Sistema emergenza urgenza in Sicilia) e Gina Mollica, direttore del Dipartimento cure primarie dell’Asp 5 di Messina (Il 118 in provincia di Messina). Interverranno poi Mirella Triozzi (Il sistema nazionale integrato) e Fabiola Fini (Le criticità nazionali), entrambe responsabili nazionali Emergenza della Smi.
Ad affrontare il tema della formazione del personale dell’emergenza saranno poi il rettore dell’Università di Palermo Roberto Lagalla (La specializzazione in medicina di emergenza e urgenza) e il preside di Medicina dell’ateneo catanese, Francesco Basile (Corso master universitario: la formazione e il 118). Delle Prospettive legislative del passaggio alla dipendenza dei medici del 118 in Sicilia, parlerà poi Giuseppe Laccoto, presidente della Commissione Sanità dell’Ars. Il presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Giuseppe Palumbo, illustrerà la relazione conclusiva della Commissione parlamentare sul sistema di Emergenza-urgenza in Italia. Le conclusioni saranno di Salvo Calì, segretario nazionale del Sindacato dei medici italiani.

 

Leave a Response