Scaletta. Post alluvione, imprenditori esasperati bloccano la Statale per mezz’ora

SCALETTA ZANCLEA – La statale 114 che attraversa il centro abitato di Scaletta Zanclea è rimasta chiusa questa mattina per circa mezz’ora all’altezza del Municipio a causa della manifestazione inscenata dai titolari delle ditte intervenute in seguito all’alluvione del 2009, che attendono ancora il saldo delle spettanze per il lavoro svolto. Per impedire la circolazione i manifestanti, una trentina, hanno disteso un grosso tubo di plastica sulla carreggiata e un cartellone con su scritto uno slogan. Le auto sono state fatte defluire su Corso Sicilia, parellela alla statale. Dopo pochi minuti sono arrivati i carabinieri della Compagnia di Tremestieri con il capitano Alessandro Di Stefano e quelli della locale caserma. I militari hanno scattato alcune foto ai manifestanti e chiesto i documenti di identificazione. La situazione si è sbloccata grazie alla mediazione del catapitano Di Stefano, che ha convinto i manifestanti a desistere dalla loro azione. La protesta è stata sospesa in attesa che martedì venga avviato l’iter per la discussione alla Regione di un emendamento da 5 milioni di euro (ai disegni di legge su Formazione e Lavori pubblici) presentato dall’on. Cateno De Luca e sollecitato dal sindaco di Scaletta Zanclea, Mario Briguglio, che chiuderebbe definitivamente la questione relativa al saldo delle spettanze agli imprenditori. AMPIO SERVIZIO NEL TG 90 DEL 14 MAGGIO

Leave a Response