Roccalumera. “Dimenticate le scuole di Sciglio e Allume”, mozione della minoranza

ROCCALUMERA – “L’anno scolastico è appena iniziato è già si sono manifestati i problemi che da anni attanagliano i due plessi scolastici di Sciglio e Allume. I genitori, in più occasioni, nei giorni scorsi, hanno manifestato il loro disappunto con vibranti proteste, per le difficoltà incontrate accompagnando e prelevando i loro figli in occasione delle prime piogge”, inizia così la mozione presentata dai consiglieri comunali di Roccalumera Natia Basile, Giuseppe Campagna, Elio Cisca, Marco Maccarrone, Carmelo Spadaro e Andrea Vadalà che accendono, per l’ennesima volta, i riflettori sui tanti problemi dei plessi scolastici delle due frazioni dando voce alle problematiche rilevate dai cittadini. L’argomento è stato già portato all’attenzione del civico consesso e dell’amministrazione comunale durante i lavori del Consiglio comunale tenutosi il 6 novembre 2009. In quell’occasione i consiglieri di minoranza avevano presentato una mozione sulle problematiche dei due plessi che tra l’altro recitava testualmente “in occasione di giornate particolarmente piovose si assiste ad un riversamento delle acque piovane provenienti dalle frazioni e l’afflusso di tanta acqua si riversa in modo copioso sulla strada provinciale Allume – Sciglio (dove sono allocati i due plessi scolastici per l’appunto), creando disagi per i fruitori dei due plessi scolastici”. “E’ passato un altro anno e i problemi da noi segnalati non sono stati risolti” puntualizza Natia Basile, prima firmataria della mozione, “i due plessi andrebbero maggiormente attenzionati, è infatti di tutta evidenza che le facciate sono fatiscenti, i muri esterni sono in molti punti scrostati, all’esterno vi sono numerose transenne e molti avvallamenti nel terreno, specie in prossimità di aule. Si tratta di fatti già segnalati in passato all’amministrazione comunale, che evidentemente non se n’è occupata”. “I cortili esterni non sono dotati di moderne attrezzature ludiche, ne sono tanto meno idonei per essere utilizzati come luogo ricreativo per i piccoli alunni, il locale mensa della scuola materna è particolarmente angusto e già nei mesi primaverili i bambini sono costretti a consumare il pasto in un ambiente non consono a causa delle elevate temperature” dichiara il consigliere di Sciglio, Elio Cisca, “le due strutture scolastiche, ma del resto anche gli altri plessi scolastici comunali, necessitano di manutenzione e accorgimenti tecnici, es. tinteggiare le pareti, sistemare le finestre nel rispetto delle attuali norme sulla sicurezza. Ci domandiamo: perché nessuno sente il dovere di occuparsene? Eppure”, conclude amareggiato Cisca “ il riversamento copioso di acque piovane rappresenta un vero e proprio rischio per coloro che accedono ai due plessi scolastici, ma a distanza di un anno nulla è mutato, anzi la situazione è peggiorata”. “In sede di approvazione del bilancio di previsione relativo all’esercizio 2010” chiosa il capo gruppo Campagna “ avevamo presentato alcuni emendamenti, finalizzati ad incrementare la dotazione finanziaria dei capitoli di bilancio relativi agli interventi di manutenzione nelle scuole, che non sono stati neanche ammessi alla dibattito del civico consesso per volontà del Presidente del Consiglio comunale che addusse motivazioni squisitamente formali”.
I firmatari della mozione intendono impegnare il sindaco e la Giunta municipale ad abbandonare la logica dell’immobilismo e della costante carenza di progettualità che continua a determinare disservizi che, a loro volta, gravano sulla cittadinanza. Ed ancora, i consiglieri di minoranza chiedono che vengano chiarite in Consiglio comunale le cause che hanno determinato l’inattività dell’Amministrazione Comunale.

Leave a Response