Torrenti a rischio esondazione, il consigliere provinciale Francilia (Udc) sollecita la riconvocazione di un tavolo tecnico

MESSINA – Stamane il consigliere provinciale Matteo Francilia, capo gruppo dell’Udc–Il Centro con D’Alia, ha nuovamente inviato una nota urgente al presidente della Provincia, on. Nanni Ricevuto ed all’assessore provinciale alle Politiche del territorio, Protezione civile e Sicurezza, Gaetano Duca, in merito alla riconvocazione di un tavolo tecnico per risolvere urgentemente il problema del rischio esondazione dei torrenti Savoca, Pagliara, Nisi, Agrò e Itala.
“Con la nota – dichiara il capo gruppo dell’UDC–Il Centro con D’Alia  – intendiamo sottoporre nuovamente all’attenzione dell’Amministrazione provinciale che l’alveo dei torrenti della zona jonica, è nettamente superiore in molti tratti ai centri abitati come nel caso dei Comuni di Furci Siculo, Santa Teresa di Riva, Roccalumera, Nizza, Itala e Scaletta. Già la precedente convocazione del tavolo del 20 settembre 2010 ha visto soltanto la partecipazione dei sindaci del comprensorio jonico, mentre si è notata – continua Francilia – la totale assenza dei principali attori: Genio Civile, Arpa e Protezione civile. Mi auguro che, rinnovando la richiesta di convocazione del tavolo tecnico con relativo sopralluogo nei torrenti a rischio esondazione – sottolinea il consigliere – oltre ai sindaci del comprensorio jonico siano presenti i funzionari del Genio Civile, dell’Arpa e della Protezione civile ma anche i rappresentanti di Rfi e dell’Anas, affinchè gli Enti competenti inizino l’iter che porti alla soluzione definitiva del problema. Ciascun Ente deve assumersi una volta per tutte le proprie responsabilità, affinchè vengano realizzati gli interventi ed i progetti necessari per la rimozione del materiale in esubero e la messa in sicurezza degli alvei vista anche la possibilità di utilizzare parte di questa terra per il ripascimento delle coste. I cittadini – conclude Matteo Francilia –non possono continuare a vivere con il terrore di rivivere il primo ottobre 2009”.

Leave a Response