Roccalumera. Niente mensa scolastica, la minoranza presenta una mozione

ROCCALUMERA – I consiglieri di minoranza Natia Basile, Pippo Campagna, Elio Cisca, Marco Maccarrone, Carmelo Spadaro ed Elio Vadalà hanno presentato una mozione sulla mancata attivazione del servizio di mensa scolastica.
“Da lunedì 27 settembre i bimbi della scuola materna svolgono il loro orario dalle 08 alle 16, mentre i bimbi della scuola elementare avevano già iniziato l’orario completo sin dalla settimana precedente” dice Natia Basile, prima firmataria della mozione, “e a tutt’oggi il servizio di mensa scolastica non è stato ancora attivato con la conseguenza che in tutti i plessi scolastici di Roccalumera i bambini devono affrontare una lunga giornata di impegno scolastico con la sola colazione a sacco, che si risolve peraltro nel consumare un panino, in barba alla direttiva emanata il 30 aprile 2010 dal Ministero della Salute per la ristorazione scolastica, direttiva che nasce: “dall’esigenza di facilitare, sin dall’infanzia, l’adozione di abitudini alimentari corrette per la promozione della salute e la prevenzione delle patologie cronico-degenerative” . “E tutto questo perché?” si chiede il consigliere Basile, “forse perché le procedure legate alla gara per l’affidamento del servizio della mensa scolastica sono iniziate, inspiegabilmente, solo il 2 settembre 2010 con una delibera di Giunta Municipale, pur essendo a tutti noto che il servizio di mensa andava affidato con apposita gara d’appalto e che il servizio doveva iniziare in concomitanza con l’avvio del tempo pieno?”
“La mensa scolastica è un servizio che il Comune fornisce agli allievi delle scuole materne, elementari e medie, e per potervi accedere i genitori pagano una retta salatissima, visti gli aumenti voluti dall’attuale Amministrazione” precisa il capogruppo Campagna, ed aggiunge, “che addirittura si è verificato un altro fatto spiacevole, infatti ci risulta che in merito all’anno scolastico precedente, i dipendenti della ditta che ha erogato il servizio mensa, non percepiscono la retribuzione dal mese di marzo 2010, in pieno contrasto con i principi sulla dignità del lavoratore e sul suo diritto alla retribuzione. Sarebbe opportuno che l’Amministrazione chiarisca se ha già corrisposto per intero le somme dovute alla ditta che ha erogato il servizio.”
I consiglieri firmatari della mozione invitano propongono di invitare il sindaco e la giunta ad abbandonare la logica dell’immobilismo e della costante carenza di progettualità che determina disservizi che, a loro volta, gravano sulla cittadinanza e a chiarire in Consiglio Comunale quali sono state le cause che hanno impedito di attivare il servizio di mensa scolastica fin dall’inizio del tempo pieno.

Leave a Response