Taormina. Sinopoli Festival, seconda giornata con la presentazione degli atti del convegno “Le vie del comporre, domani”

TAORMINA – La seconda giornata del “Giuseppe Sinopoli Festival”, in programma domani, sabato 2 ottobre, si aprirà alle 11.30, al Grand Hotel Atlantis Bay, con la presentazione a cura di Michele dell’Ongaro e Matteo D’Amico degli atti curati da Federica Di Gasbarro di “Le vie del comporre, domani”. Il convegno, nel 2008, ha riunito a Taormina 20 compositori italiani a discutere della funzione, del senso, del futuro della loro musica.
La giornata proseguirà al Palazzo dei Congressi dove, dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18, verrà proiettata la serie integrale del ciclo televisivo “C’è musica e musica”, il documentario realizzato per la Rai da Luciano Berio, che rappresenta ancora oggi una testimonianza viva di come fare, in tivù, musica, informazione e spettacolo.
Alle ore 18, sempre al Palazzo dei Congressi, sarà presentato il progetto “Borse di studio intitolate a Giuseppe Sinopoli”. Un’iniziativa a cura dell’Università di Catania, degli istituti di Astrofisica e Psichiatria e del Gruppo Amici “per l’unità del sapere”.
La giornata si concluderà alle 19.30, sempre al Palazzo dei Congressi, con il concerto a ingresso libero “Carta Bianca a Marco Betta”. La Sinopoli Chamber Orchestra di Taormina Arte, con la partecipazione dei Fratelli Mancuso, sarà diretta dal maestro Pietro Mianiti. L’evento vedrà, inoltre, la preziosa collaborazione del Conservatorio Corelli di Messina.
In programma di Marco Betta “Maiores umbrae”,  “Libero”, “Benares” e frammento da “Sette storie per lasciare il mondo”; di Toru Takemitsu “Piano distance” e per finire su testo di Enzo Mancuso e la partecipazione dei fratelli Mancuso di Marco Betta “Cori miu”.
Il Sinopoli Festival si concluderà domenica 3 ottobre con la consegna del Premio Sinopoli per la Cultura a Emma Dante ed il concerto dell’Orchestra Sinfonica Siciliana diretta dal Maestro Alberto Veronesi: Fabio Vacchi “Dai calanchi di Sabbiuno” e Petr Ill’c Cajkovskij “Sinfonia n. 5 in mi minore, op. 64”.

Leave a Response