Messina. Esercito, cambio al vertice del 5° reggimento fanteria “Aosta”

MESSINA – Alla presenza del generale Luigi Vinaccia, comandante della Brigata meccanizzata “Aosta”, ha avuto luogo, presso la Caserma “Crisafulli Zuccarello”, la cerimonia di avvicendamento del comandante del 5° Reggimento fanteria “Aosta”. Il colonnello Giovanni Riccioni subentra al colonnello Fabrizio Biancone. Un periodo intenso e pieno di soddisfazioni, quello del colonnello Biancone, che ha visto i soldati del 5° Reggimento fanteria “Aosta” impegnati sia nelle missioni fuori area, in Kosovo nel 2009, sia nell’Operazione “Strade Sicure”, nella provincia di Messina, in Calabria e in Campania. Di rilievo, inoltre, l’intervento dei fanti dell’”Aosta” in soccorso alla popolazione in occasione degli eventi calamitosi che hanno colpito le località tirreniche e joniche peloritane (Falcone nel 2008 e Giampilieri nel 2009).
Il colonnello Riccioni, proveniente dai corsi regolari dell’Accademia Militare di Modena, ha prestato servizio presso il 114° battaglione di fanteria, la Scuola di Fanteria, il Reparto Logistico dello Stato Maggiore dell’Esercito, il Dipartimento Impiego del Personale dello Stato Maggiore dell’Esercito, il 17° reggimento fanteria “Acqui” e lo Stato Maggiore della Difesa, ricoprendo, in Patria e all’estero, numerosi e prestigiosi incarichi.
Il 5° Reggimento fanteria “Aosta” vanta oltre tre secoli di storia. Costituito Il 20 febbraio 1690 quale Reggimento fucilieri di Sua Altezza Reale, il 16 settembre 1774 assunse la denominazione di Reggimento di “Aosta”. Prese parte ai principali fatti d’arme che caratterizzarono la storia europea dalla seconda metà del XVIII secolo fino alla seconda guerra mondiale. In particolare, si distinse nelle guerre della Lega di Augusta (1690-1697) e di Successione (spagnola 1701-1713, polacca 1733-1735 e austriaca 1742-1748). Peculiare la presenza in Sicilia (1713-1718) culminata con la difesa della Cittadella di Messina assediata dalle truppe spagnole nell’estate del 1718. Sciolto nel 1799, al termine della campagna contro la Francia rivoluzionaria, fu ricostituito nel luglio 1814 assumendo, il 4 maggio 1839, la denominazione di 5° Reggimento. Prese parte alle Guerre d’Indipendenza (1848-49, 1859 e 1866), alla repressione del Brigantaggio (1861) e fornì personale ai contingenti impiegati in Crimea (1855) e nelle guerre d’Africa (Eritrea 1882-1896 e Libia 1911-1912). Nella Prima Guerra Mondiale si distinse per la tenacia e il valore dimostrati nella Battaglia d’Arresto (1917) e in quella successiva della riscossa (1918). Il Secondo Conflitto Mondiale vide il reggimento, inquadrato col gemello 6° e il 22° artiglieria nella Divisione di fanteria “Aosta”, impiegato nella difesa della Sicilia nei mesi di luglio e agosto del 1943. Sciolto a seguito degli eventi bellici successivi all’Armistizio dell’8 settembre 1943, si ricostituì il 20 settembre 1944 con il nome di 5° Reggimento Sicurezza Interna “Aosta”, con compiti di controllo e presidio del territorio. Il 1° settembre 1946 riprese la denominazione di 5° Reggimento fanteria “Aosta” con sede in Messina.

Leave a Response