Nino Bartolotta (”Sicilia Vera)” si riprende il posto in Consiglio provinciale occupato da Nino Muscarello (Udc)

MESSINA – Torna in Consiglio provinciale l’ex sindaco di Santa Teresa di Riva e commissario straordinario all’Ente fiera di Messina, Nino Bartolotta (nella foto), che si riprende il posto occupato, durante la sua sospensione, da Nino Muscarello. Quest’ultimo, primo dei non eletti nella lista “Autonomisti dell’Mpa, era subentrato a Bartolotta il 19 marzo dello scorso anno. Muscarello, negli anni passati presidente del consiglio di Alì Terme, tra i firmatari di un ricorso contro l’elezione di Bartolotta, aveva lasciato gli autonomisti per accasarsi con l’Udc, area D’Alia. Il rientro in Consiglio di Bartolotta è previsto per lunedì, quando si riunirà la terza commissione consiliare della Provincia, di cui l’ex sindaco di S. Teresa torna a far parte. Finisce cosi’ il lungo esilio durato 18 mesi durante i quali Nino Bartolotta e’ stato sospeso dalla carica di consigliere provinciale dal Prefetto di Messina. Un atto dovuto quello del Prefetto che e’ stato la conseguenza della condanna subita in primo grado da Bartolotta per la ben nota vicenda che riguarda il gemellaggio effettuato nel 2003 tra il Comune di S. Teresa di Riva del quale era sindaco ed un comune francese (Fuveau).

A Bartolotta e ad altri due amministratori (Sandro Fleres e Massimo Rizzo) era stata contestata la presenza delle rispettive consorti che pur facendo parte della delegazione non potevano usufruire delle spese a carico del comune.

Una vicenda che si trascina da quasi otto anni e che in tempi in cui si discute di processo breve e’ ferma ancora alla sentenza di primo grado contro la quale i tre ex amministratori di S. Teresa di Riva si sono appellati.

Con il ritorno di Bartolotta in consiglio provinciale si rinforza il gruppo consiliare che fa capo all’on.le Cateno De Luca il quale puo’ adesso contare su quattro consiglieri.
 

Leave a Response