S. Alessio. Fine di un incubo, sarà abolito il passaggio a livello con la realizzazione di un’opera per bypassare la tratta ferrata

S. ALESSIO SICULO – «Le barre del passaggio a livello rappresentano per il nostro paese una barriera di non poco conto e sono motivo di disagi talune volte anche gravi. L’annuncio dei lavori per la realizzazione di un’opera, a breve scadenza, che consentirà di bypassare la tratta ferrata, è motivo di grande soddisfazione e ottimismo per il futuro». Il sindaco, Giovanni Foti, commenta così la notizia dell’appalto dei lavori data dai vertici delle Ferrovie, sottolineando che «per Sant’Alessio rappresenteranno la fine di un incubo».
L’intervento riguarderà anche il passaggio a livello della frazione taorminese di Mazzeo. Complessivamente sono stati stanziati fondi per un milione 800mila euro.
A Sant’Alessio è previsto un sottopassaggio dall’incrocio tra la Statale 114 e via Gibbiazza, fino all’altezza del complesso «Sant’Alessio Village».
«Abbiamo ricevuto notizia – spiega il primo cittadino – che i lavori saranno consegnati alla ditta aggiudicataria il prossimo ottobre e dovrebbero protrarsi fino a primavera». Durante tutto il periodo in cui è prevista la realizzazione dell’opera la Ss 114, nel tratto in questione, sarà interdetta ai mezzi pesanti. Sarà creato un varco solo per il transito delle auto e dei mezzi di soccorso. «Sacrifici che vale la pena fare – chiosa Giovanni Foti – per eliminare un indecoroso tappo, che si crea puntualmente ogni mezz’ora o poco più. Con tutte le problematiche che ciò comporta. Basti pensare alle ambulanze che, per raggiungere l’ospedale, sono costrette ad attendere il passaggio del treno. Altrimenti, per uscire dal centro abitato, lato nord, bisogna allungare il percorso, fino a raggiungere l’autostrada a Roccalumera». Questo è l’aspetto più delicato messo in evidenza dal sindaco. Ma non è l’unico. «Un altro esempio – aggiunge – riguarda i pullman. Sia quelli di linea, quanto quelli dei turisti in arrivo o in partenza dalla nostra cittadina. Mezzi costretti ad attese snervanti. La viabilità – incalza Foti – è di fondamentale importanza, soprattutto nei casi in cui, come a Sant’Alessio, non esistono vie alternative alla Statale 114 (oltre al lungomare e all’autostrada i cui accessi, Taormina e Roccalumera, sono però distanti diversi chilometri). La barriera di un passaggio a livello – conclude il primo cittadino – al giorno d’oggi è fortemente penalizzante. Significa tarpare le ali allo sviluppo. Commerciale e turistico. Speriamo che già dalla prossima estate questi siano solo dei… ricordi».

Leave a Response