Taormina. In arrivo l’Osservatorio alberghiero. Consentirà il monitoraggio costante delle presenze turistiche

Mauro Romano

TAORMINA – Presto sarà attivo “l’osservatorio alberghiero”. Non si tratta certo del “grande fratello” sulle strutture ricettive taorminesi ma, piuttosto, uno strumento di lavoro importante, che garantirà il monitoraggio costante ed in tempo reale delle presenze turistiche. Il progetto è stato annunciato dal presidente dell’associazione albergatori, Italo Mennella, che è anche l’assessore al Turismo.
«Si tratta – ha spiegato Mennella – di un sistema di osservazione più costante delle presenze turistiche. Insomma, a Taormina quasi settimanalmente si potrà conoscere il reale andamento dell’industria turistica. Si potranno verificare le reali presenze sul venduto. E’ previsto anche un osservatorio sui reali introiti, quelli medi, perché altrimenti si potrebbero creare problemi di privacy. Sarà anche possibile effettuare previsioni concrete sulle reali prenotazioni». Uno strumento importante, questo, perché, per esempio, in ogni momento dell’anno si potrebbero attuare anche strategie di marketing mirate. Attualmente, i dati turistici sono forniti dal Servizio turistico regionale. Si tratta di un’attività efficiente, ma a volte un po’ ritardataria visto che, per esempio, ancora adesso si commentano i dati di maggio.
In questi giorni, comunque, dovrebbero arrivare i pernottamenti di giugno che, secondo gli esperti, potrebbero essere in recupero rispetto allo scorso anno. Certamente, rimane la preoccupazione su un periodo turistico, che decisamente non sembra il migliore. Però, segnali positivi ce ne sono. Per esempio, dovrebbe presto aprire nel centro storico un albergo extralusso. Ma rimangono le perplessità degli operatori del settore. «Importante – ha detto Salvo Cilona, consigliere comunale ed ex assessore al Turismo – puntare in questo momento sugli eventi al Teatro Antico, altrimenti il settore della ristorazione rimane fermo». Ma si spera anche nel mercato turistico di marca tricolore.
«Tengo a precisare – ha detto Nicola Salerno, noto tour operator – che si stanno muovendo località come Siracusa. I grandi numeri ovviamente sono ancora su Taormina, ma ritengo che la concorrenza possa arrivare proprio dalla stessa Sicilia. In ogni caso, grazie ad un accordo con gli albergatori, al cliente viene praticamente il volo gratis. Le partenze sono da Forlì, Milano, Bergamo, Parma, Pisa, Roma, Verona, Venezia, Torino, Napoli e Genova».

Leave a Response