Torrente Agrò: corridoi ecologici da tutelare. L’Unione dei Comuni stanzia 18mila euro per la pulizia

S. ALESSIO – Da poco meno di tre anni il corridoio ecologico che sorge lungo il torrente Agrò, rappresenta il fiore all’occhiello dell’intera Vallata, di un comprensorio che negli ultimi lustri si è “distinto” per la pochezza di simili opere. L’infrastruttura, costata milioni di euro, è diventata punto di riferimento di numerosi cittadini, di famiglie che all’imbrunire invadono i vialetti e le aree attrezzate. A piedi o in bici. Negli ultimi mesi, quei corridoi che si snodano lungo i territori di sette Comuni (S. Alessio, Forza d’Agrò, S. Teresa, Casalvecchio, Savoca, Antillo e Limina) sono rimasti in balia dei vandali e della sporcizia. Un quadretto indecoroso. C’erano ancora le “tracce” lasciate durante le scampagnate del lunedì di Pasqua e del Primo maggio. Solo nei giorni scorsi sono stati avviati gli interventi di pulizia, grazie ad un intervento predisposto dall’Unione dei Comuni delle Valli joniche e dei peloritani. Importo 18mila euro. Si è provveduto a tagliare l’erba ed a rifare il look all’infrastruttura. “Purtroppo – spiega il sindaco di S. Alessio e assessore al Turismo dell’Unione, Giovanni Foti – parliamo di un territorio vasto, che merita una notevole attenzione. Bisogna sensibilizzare i singoli Comuni a prendersi cura della propria area per scongiurare il degrado. Ognuno, insomma, si deve attrezzare”. Foti quest’opera l’ha già avviata. “La parte del corridoio ecologico che ricade nel Comune di S. Alessio – evidenzia – sarà costantemente monitorata. Ho affidato il delicato compito al gruppo dei Rangers che opera nella nostra cittadina. Sono certo che il loro lavoro darà i frutti sperati”. Infine un appello “al rispetto di quanti usufruiscono dell’opera”, Foti lo ha lanciato “a quanti percorrono i vialetti con la moto. Creano una situazione di pericolo e, tra l’altro – sottolinea il primo cittadino di S. Alessio – danneggiano l’asfalto che è di natura ecologica. E quindi non adatto al… motocross”.

Leave a Response