Messina. E’ di 800 mila il ”tesoretto” sequestrato dalla polizia alla cosca del villaggio Mangialupi

MESSINA – Beni per un valore 800 mila euro sono stati sequestrati dalla polizia in esecuzione di un decreto di sequestro emesso dal tribunale di Messina. Si tratta di tre case, un’automobile e due motociclette riconducibili a Alessandro Cutè, 52 anni e ai suoi figli Antonino, 31 anni, Luca, 24 anni e Giuseppe 29 anni. L’iniziativa si inserisce nell’operazione condotta contro il clan Mangialupi. Alessandro Cutè è accusato di fare parte della cosca.

Leave a Response