Scaletta. “English full immersion” per gli studenti dei centri alluvionati

SCALETTA ZANCLEA – Una settimana di “English full immersion” per gli studenti delle scuole di Scaletta, Altolia e Giampilieri, i centri maggiormente colpiti dall’alluvione dello scorso primo ottobre. Un city camp (offerto dall’associazione Acle, ente di formazione accreditato dal Miur), iniziato lunedì scorso, che proseguirà sino a venerdì, dalle 9 alle 16. L’iniziativa, patrocinata dall’assessorato alle Politiche scolastiche, vede la partecipazione di 50 ragazzi di scuola primaria e secondaria di primo grado. A loro sono state riservate attività didattiche e ricreative, esclusivamente in lingua inglese, affidate a tutor di madre lingua provenienti dai paesi anglofoni (Usa, Canada, Gran Bretagna, Australia…). Per il city camp è stata scelta la scuola di Giampilieri superiore intitolata ad un eroe di quella tragica notte, il giovane Simone Neri, che ha speso la propria vita per salvarne tante altre. “L’iniziativa – ha spiegato la dirigente scolastica di Scaletta, Venera Munafò – ha immerso i partecipanti in un clima anglosassone, favorendo anche l’apertura a nuovi modelli interculturali attraverso l’interazione con i tutors. La scuola – ha aggiunto – è diventata, per una settimana, una sorta di college dove si comunica prevalentemente in inglese”. Al termine della settimana di city camp i partecipanti si esibiranno in un english show, a dimostrazione di ciò che hanno appreso.

Leave a Response