Messina. Ecopass, avviata questa mattina la sperimentazione del ticket di attraversamento dello Stretto

MESSINA – Sono stati 52 i tagliandi staccati alla biglietteria della rada S. Francesco all’avvio sperimentale, alle ore 7 di oggi, dell’ecopass. Al rilascio dei primi tagliandi è intervenuto il sindaco Buzzanca, con l’assessore alle politiche finanziarie, Orazio Miloro, l’assessore alla mobilità, Melino Capone, e gli assessori Pippo Isgrò (politiche del mare), Carmelo Santalco (e-governament), Elvira Amata (arredo urbano), e il presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Previti. Nei giorni scorsi era stato sottoscritto, per regolamentare il pagamento del ticket, un protocollo per la durata di un mese, con i gestori dei collegamenti nello Stretto Rfi S.p.a.- Gruppo Ferrovie; Meridiano Lines; Terminal Tremestieri, e Caronte e Tourist S.p.a. Il provvedimento di istituzione dell’ecopass era stato firmato a marzo scorso dal sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, quale Commissario Delegato per le misure dell’emergenza ambientale nel settore del traffico e della mobilità, secondo l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3633. L’ordinanza istituisce in via sperimentale dal 1° giugno zone a traffico limitato e regolamenta accesso e circolazione dei veicoli in città, introducendo il tagliando ecopass. Le zone a traffico limitato comprenderanno il cosiddetto “serpentone”, collegamento tra l’approdo dei traghetti della Rada S. Francesco ed il viale della Libertà; la via San Raineri, all’uscita portuale del molo Norimberga, fino al cavalcavia; via Luigi Rizzo, all’uscita del molo Rizzo, nel tratto adiacente il piazzale Campo delle Vettovaglie; l’infrastruttura denominata “chiocciola”, che collega l’approdo di Tremestieri e la rete stradale. Per l’acceso e la circolazione in tali aree, auto, autocarri, autobus, autotreni ed autoarticolati, in transito da e per la Sicilia, attraverso le banchine del porto, della Rada S. Francesco e dell’approdo di Tremestieri, saranno subordinati al pagamento di un tagliando ecopass. Le tariffe sono di 1,50 euro per le auto; 5 euro per autocarri e bus; 8 euro per autotreni ed autoarticolati. Tutti i mezzi saranno esentati dal pagamento dell’ecopass nei giorni feriali, nella fascia oraria compresa tra le 22 e le 7 del mattino e nei giorni festivi, dalle 7 alle 22. Sono altresì esentati dal pagamento le auto condotte da residenti nelle provincie di Messina e Reggio Calabria, oltre ai mezzi delle Forze Armate, delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco e dei sevizi di soccorso, nonché i veicoli adibiti al servizio di persona con limitata o impedita capacità motoria.

Leave a Response