S. Teresa. Piano paesaggistico all’esame dei tecnici, vertice con gli amministratori a Villa Ragno

S. TERESA DI RIVA – Nei locali di Villa  Ragno, a S. Teresa di Riva, ha avuto luogo un tavolo tecnico finalizzato all’individuazione delle linee guida delle osservazioni da presentare al Piano paesaggistico. Il tavolo tecnico è stato convocato da Archeoclub area jonica e dal suo centro studi. Numerosi gli amministratori, dirigenti e tecnici di tutto il Comprensorio Ionico intervenuti per dare il loro contributo. Il dibattito è stato piuttosto articolato e non sono mancate le note critiche al Piano, “accusato” da alcuni tecnici di essere stato pensato per il territorio tirrenico e poi calato con le medesime prescrizioni anche sul territorio jonico, senza tener conto delle differenze tra i due territori. Particolarmente critici alcuni tecnici sulla rigidità delle fasce di rispetto a spiagge e torrenti; sui vincoli imposti nei nuclei storici e sulla mancata previsione di alcuni importanti risorse culturali. Secondo i più critici, il rischio è che questo Piano determini un’ingessatura del territorio senza che via sia una previsione di sviluppo. Altri tecnici  (in particolare il geom Santino Mastroeni e l’arch. Orazio Truglio) hanno invece sollecitato una visione più complessa del piano, sganciata dalla singola previsione dell’indice di edificabilità ed esaminata in un’ottica comprensoriale, in cui le risorse culturali ed ambientali costituiscono un elemento di valorizzazione. Hanno anche ritenuto un fatto positivo la risposta istituzionale e l’innovazione concettuale data dal piano paesaggistico rispetto al passato, pur ritenendo possibili ulteriori miglioramenti. I tecnici hanno anche concordato di coordinare le osservazioni al Piano, nella consapevolezza che, tranne qualche eccezione, non appare opportuno lasciare soli i singoli comuni. In conclusione, il tavolo tecnico ha assunto le seguenti determinazioni:
– il Presidente del Consiglio dell’Unione dei Comuni delle Valle Joniche dei Peloritani, Romualdo Santoro, si è impegnato a reperire nei prossimi giorni le osservazioni eventualmente già formulate dai singoli comuni del Comprensorio, nonché a sottoporre il verbale del tavolo tecnico all’intero consiglio dell’Unione;
– l’arch. Orazio Truglio, docente paesaggista della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, componente del Centro Studi dell’Archeoclub Area Ionica, predisporrà uno studio tecnico sul Piano Paesaggistico e sulla sua applicazione nel Comprensorio dell’Area Jonica;
– il dirigente tecnico del comune di S. Teresa di Riva, ing. Pietro Mifa, entro la prossima settimana terrà una riunione operativa nel proprio ufficio al fine di stilare un documento contenente le problematiche strettamente tecniche che scaturiranno dall’applicabilità del PTP in tutto il comprensorio jonico della provincia di Messina;
– la sede Archeoclub Area Ionica (presieduta dall’arch. Mimmo Costa), in collaborazione con l’Osservatorio dei Beni Culturali (presieduto dall’avv. Filippo Brianni), presenterà le proprie valutazioni al Piano ad ulteriore tutela del patrimonio ambientale, paesaggistico e monumentale del Comprensorio Jonico ed in particolare dei Beni architettonici di maggior rilievo.

Leave a Response