Castelmola. ”Avvisati” sindaco e assessori, ipotizzato l’abuso d’ufficio in concorso

CASTELMOLA – Avviso di garanzia per il sindaco Antonietta Cundari, gli assessori Francsco Puglisi, Beniamino Bruno, il dirigente comunale Antonino D’Amore e l’ex vicesindaco Angelo D’Agostino. Il reato ipotizzato dalla Procura della Repubblica di Messina è abuso d’ufficio in concorso. La vicenda nella quale sono rimasti coinvolti gli amministratori risale allo scorso anno. Stando alle indagini, sarebbero emerse nei confronti degli indagati alcune anomalie nelle procedure di notifica e nella successiva definizione di una transazione per il pagamento dell’Ici a una impresa turistica di Castelmola. In poche parole, il fare di sindaco, assessori e dipendente del Comune, avrebbe favorito un vantaggio indebito alla ditta che avrebbe beneficiato di uno sconto trasnativo di 12 mila euro rispetto alla somma dovuta di 33 mila euro. La delibera di Giunta attenzionata adesso dalla Procura è quella del 13 febbraio 2009, n. 24, con la quale venne definito il contenzioso con il pagamento da parte dell’impresa turistica di 20 mila 210 euro oltre le spettanze alla Serit. 

Leave a Response