Pagliara. Chiedono soldi per restituire un’auto rubata, arrestati due catanesi

PAGLIARA – Avrebbero preteso 3mila euro per restituire l’auto rubata ad una donna di Pagliara ma sono stati colti sul fatto dai carabinieri. Sono così finiti in manette i due catanesi Antonino Indelicato, 28 anni, residente a Giarre, e Massimo Muscolino, 32 anni, residente a Mascali. L’accusa è di estorsione in concorso. I due sono stati fermati ieri sera all’altezza di piazza Mazzullo dai carabinieri di Roccalumera, che hanno agito al comando del maresciallo Santo Arcidiacono. Durante la perquisizione sono stati rinvenuti 3mila euro in banconote da 100, ritenuti dagli inquirenti provento dell’estorsione. I due non hanno saputo dare spiegazioni sulla provenienza del denaro e così sono stati condotti in caserma per ulteriori accertamenti. Messi alle corde dai militari dell’Arma i due avrebbero ammesso di aver attuato quello che in gergo viene definito “cavallo di ritorno”. Una pratica parecchio diffusa nel catanese. Avrebbero, in sostanza, preteso soldi in cambio della restituzione dell’autovettura, che era stata rubata lo scorso aprile a Giardini Naxos. Dopo l’arresto, Indelicato e Muscolino sono stati trasferiti nel carcere di Messina Gazzi. I carabinieri indagano per delineare ulteriormente i contorni della vicenda.

Leave a Response