S. Teresa. Via le antenne di telefonia mobile dal centro abitato, approvato alla Regione il nuovo regolamento comunale

Carmelo Caspanello

S. TERESA – L’assessorato regionale Territorio e  Ambiente (dipartimento urbanistica) ha approvato il nuovo regolamento comunale per la modifica e l’installazione degli impianti fissi di telecomunicazione per telefonia cellulare e radiotelevisiva. Si tratta di norme che andranno ad integrare il vigente regolamento edilizio, adottato dal Consiglio comunale il 16 marzo. Soddisfatto l’assessore comunale all’Urbanistica, Natale Rigano: “Per quanto concerne la tutela dell’ambiente – ha esordito – adesso siamo più tranquilli. Parliamo di un regolamento – ha proseguito Rigano – redatto con scrupolosità, in stretta collaborazione con le associazioni dei cittadini e Legambiente, che ripetutamente nel corso degli ultimi anni avevano sollevato il delicato problema”.
Si conclude così un iter particolarmente complesso, che aveva fatto registrare nei mesi scorsi la tappa decisiva con una sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa, con la quale è stato respinto il ricorso di una società di telefonia mobile (precedentemente accolto dal Tar di Catania) contro un provvedimento del responsabile del settore Ufficio tecnico servizi del Comune di S. Teresa. Alla società era stata rigettata l’istanza di autorizzazione avanzata per la realizzazione di una stazione radio base nel territorio comunale in quanto contro il regolamento dell’Ente locale per l’installazione delle antenne. La questione era incentrata proprio sulla legittimità delle norme del regolamento comunale che disciplinano la materia e del provvedimento con il quale è stata rigettata l’istanza della società. Le disposizioni contestate dalla società di telefonia prevedevano la possibilità di installare gli impianti anche in zone residenziali e nel centro abitato, ma a determinate condizioni. Il Cga ha invece accolto l’appello contro la sentenza del Tar, presentato dalla pubblica amministrazione, che ribadiva la necessità di rifarsi alle disposizioni contenute nel regolamento comunale. In virtù di quella sentenza, il sindaco, Alberto Morabito, evidenziò che ìl Cga di fatto aveva “legittimato il regolamento comunale” per l’installazione di antenne per la telefonia mobile e radiotelevisive, approvato nel 2006, a tutela della salute dei cittadini dalle onde elettromagnetiche e dell’aspetto urbanistico della città”. I gestori  ora dovranno tenere conto delle aree sensibili quali scuole, uffici, banche…  

Leave a Response