Pagliara. Uccise a coltellate il figlio dell’ex convivente, fu omicidio premeditato: Salvatore Golfo condannato a 30 anni

MESSINA – Trent’anni di carcere per Salvatore Golfo, il 45enne venditore originario di Savoca che nel giugno dello scorso anno uccise a coltellate il 24enne Lauro Fausto Morin, figlio della sua ex convivente. L’assassinio si verificò nella frazione Rocchenere di Pagliara. Golfo doveva rispondere di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà e anche di maltrattamenti nei confronti della ex convivente. La sentenza, a conclusione del rito abbreviato. è stata emssa ieri sera dal giudice dell’udienza preliminare Giovanni De Marco. Il comportamento di Golfo secondo il magistrato non è stato inficiato da problemi mentali. Salvatore Golfo accoltellò la vittima in strada, a conclusione di un ”chiarimento” con la sua ex convivente con la quale intendeva riallacciare il rapporto. Nella animata discusssione si intromise il giovane per difendere la madre quando il venditore ambulante lo colpì con un coltello. Morin morì dopo qualche minuto. Il giovane viveva con il padre a Calatabiano e spesso si recava a Rocchenere per far visita alla madre. Il gup De Marco ha stabilito inoltre il risarcimento in sede civile a carico del venditore ambulante.

Leave a Response