Taormina. Riaperta al culto da padre Sinitò la chiesa di S. Domenica

Taormina. La Chiesa di Santa Domenica è stata ufficialmente riaperta ai fedeli. Il parroco della città, Padre Salvatore Sinitò, ha celebrato, insieme a don Gioacchino Curto, una Santa Messa che di fatto ha “inaugurato” la nuova epoca dell’edificio religioso, che era chiuso da circa tre mesi per lavori di pulizia. Durante la celebrazione (che è stata animata dal “Gruppo di rinnovamento nello spirito”), il parroco, davanti a centinaia di fedeli, ha ringraziato tutti coloro che in questi mesi hanno collaborato con lui e ha anche annunciato che a Santa Domenica sarà possibile celebrare pure i matrimoni. Questi i ministranti presenti alla cerimonia: Giancarlo Laganà, Francesco Buciunì, Alessandro Ricca, Alessandro Strano e Andrea Cullurà. Alla fine della Santa Messa, Vito Livadia ha letto pubblicamente una poesia da lui stesso composta avente per tema la riapertura di Santa Domenica. In prima fila, numerosi esponenti di associazioni e gruppi. Per l’Amministrazione comunale era presente il consigliere comunale Pina Raneri, che tanto sta facendo per il “mondo religioso” della “Perla dello Jonio”. Il consigliere, nei giorni scorsi, insieme al sindaco Passalacqua e al presidente del Consiglio, Eugenio Raneri, aveva partecipato anche alla festa dei 100 anni di Suor Adalgisa Termine, “figlia del Divino Zelo”. In quell’occasione, a celebrare la Santa Messa era stato l’arcivescovo di Messina, Mons. Calogero La Piana.

Leave a Response