Roccalumera. “Nessuna migrazione di bambini”. Il dirigente scolastico replica ai consiglieri di Pagliara sul trasferimento di scolari da Rocchenere a Sciglio

ROCCALUMERA – Botta e risposta tra i consiglieri di minoranza del Comune di Pagliara Domenico Prestipino, Andrea Pitrolo e Rosario Totaro e il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Roccalumera, Enza Interdonato, in merito alla “migrazione” di numerosi scolari della scuola materna della frazione Rocchenere al plesso della borgata roccalumerese di Sciglio, in virtù dell’alto numero di iscritti. I consiglieri hanno chiesto sulla questione una seduta urgente del civico consesso. Sostengono che il dirigente avrebbe dovuto chiedere un aumento di insegnanti per evitare in futuro disagi anche alle elementari di Pagliara centro, ritenendo improbabile un ritorno dei bambini una volta che hanno frequentato la scuola materna a Roccalumera. “Ciò che è stato presentato come una migrazione di numerosi bambini verso altre scuole  avallata  o voluta dal dirigente scolastico – spiega la dottoressa Interdonato -corrisponde  in realtà ad una necessaria informativa a quattro famiglie  di alunni ‘anticipatari’ e l’offerta dell’opportunità di una prima iscrizione  nelle scuole dove era possibile accogliere le istanze”. Il dirigente evidenzia che “nel caso in cui  il numero delle domande di iscrizione risulti superiore ai posti  disponibili, sono accolte prioritariamente le istanze riguardanti coloro che compiono tre anni di età entro il 31 dicembre 2010.  Ritenuto che il numero minimo di una sezione è di 18 ed il numero massimo di 26  e che gli alunni iscritti regolarmente, alla scuola dell’infanzia di Rocchenere, per il prossimo anno scolastico è  di 26, al momento le norme di legge non consentono alcuna deroga, né possibilità di alcuna ulteriore richiesta”. Il dirigente Enza Interdonato cita poi la normativa, in virtù della quale “possono essere iscritti alla scuola dell’infanzia le bambine e i bambini che abbiano compiuto 3 anno entro il 31 dicembre 2010 . Possono, altresì, chiedere l’iscrizione le famiglie le cui bambine e i cui bambini compiono tre anni di età dopo il 31 dicembre 2010 e, comunque, entro il 30 aprile 2011. Per questi ultimi, l’ammissione alla frequenza, sentiti i competenti organi collegiali, può essere disposta alle condizioni di disponibilità di posti; accertamento dell’avvenuto esaurimento di eventuali liste di attesa; disponibilità di locali tali da rispondere alle specifiche esigenze dei bambini di età inferiore a tre anni e valutazione pedagogica e didattica da parte del collegio”.

Leave a Response